Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa: bloccano lo sbarco, denunciati due della Lega
Maraventano: «Ridicola accusa di interruzione di servizio»

L'ex senatrice della Lega Angela Maraventano e il vicepresidente leghista sull'isola Attilio Lucia sono accusati di una manifestazione non autorizzata, il 30 agosto, organizzata per impedire il «transito dei mezzi impegnati al trasferimento dei migranti»

Marta Silvestre

Interruzione di pubblico servizio. È questa l'ipotesi di reato per cui sono stati denunciati dalla Digos alla procura di Agrigento l'ex senatrice della Lega Angela Maraventano e il vicepresidente legista a Lampedusa Attilio Lucia

I due esponenti del Carroccio sono accusati di una «manifestazione non preannunciata», organizzata lo scorso 30 agosto scorso sull'isola da mezzanotte alle 4, per «impedire il transito dei mezzi impegnati al trasferimento dei migranti» durante lo sbarco di un peschereccio con a bordo 369 persone di diverse nazionalità. Al porto, insieme a loro, ci sarebbero stati anche altri manifestanti, in tutto tra trenta e quaranta.

Maraventano e Lucia hanno utilizzato anche «un megafono, enunciando slogan contro il governo nazionale e criticando la gestione delle politiche migratorie e incitando gli altri manifestanti a bloccare l'ingresso alla banchina» del porto. Ieri l'ex senatrice leghista è tornata a protestare e, insieme ad altri sostenitori, si è anche sdraiata a terra - con la testa appoggiata sul cuscino e un lenzuolo sul corpo - per impedire alle forze dell'ordine di passare con i furgoni a bordo dei quali i migranti venivano trasportati verso il centro di accoglienza. Si sono registrati diversi momenti di tensione tra i manifestanti e le forze dell'ordine. 

«Io e Attilio Lucia - scrive Maraventano sui social network in un post nel quale ha pubblicato anche i verbali della questura - siamo stati denunciati per avere impedito il trasferimento dei migranti. Dire che abbiamo commesso un reato di interruzione di pubblico servizio è veramente ridicolo. Portare i migranti da un molo all'edificio dell'hotspot - continua la leghista - è diventato servizio pubblico? Incredibile! Con questo governo esercitare il diritto di manifestazione e di libertà di pensiero è reato. Noi - conclude - non molliamo, non ci arrendiamo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×