Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cultura e Covid, il messaggio dell'attrice a Musumeci
«Soldi a Dolce e Gabbana? Nello, facisti 'na minchiata»

Carmela Buffa Calleo spiega le ragioni del monologo con cui ha commentato la scelta di devolvere dei soldi all’importante casa di moda. «Con l'epidemia tanti artisti sono ridotti alla fame, si poteva aiutare loro», dichiara a MeridioNews

Carmelo Lombardo

Foto di: Kilyan Sockalingum

Foto di: Kilyan Sockalingum

«Bravo Nello, a facisti ‘a minchiata: ci dasti i soddi a Dolce & Gabbana, ca ci nesciunu de’ naschi. Ma chi è: stamu babbiannu?». Inizia in dialetto per poi passare a un chiaro italiano, tutto condito da risate sprezzanti, a metà tra l’ironia e la protesta. È il videomessaggio con cui l’attrice teatrale modicana Carmela Buffa Calleo ha deciso di rivolgersi al presidente della Regione siciliana Nello Musumeci. Nel monologo, pubblicato su Facebook, l’attrice contesta la somma di circa 600mila euro, devoluti dalla Regione alla prestigiosa casa di moda per la realizzazione di Devotion. Il docufilm, girato da Giuseppe Tornatore e con le musiche di Ennio Morricone, con cui i due stilisti italiani hanno voluto promuovere alcuni dei luoghi e delle specialità della Sicilia. 

Il video di Buffa Calleo ha raggiunto migliaia di condivisioni, e il suo messaggio in queste ore è stato rilanciato da molti operatori del settore, che da mesi devono fare i conti con il fermo imposto dall’emergenza Covid-19. Raggiunta telefonicamente da MeridioNews, l'attrice non arretra di un millimetro mentre parla del suo monologo «nato spontaneamente» dopo aver letto la notizia. «Non pensavo di raggiungere un numero così alto di visualizzazioni. Ho deciso di utilizzare il garbo e l’ironia: non volevo assolutamente fare un attacco personale al presidente Nello Musumeci, né a Domenico Dolce e Stefano Gabbana - precisa - Non discuto nemmeno la valenza di Devotion, che è straordinario. Durante il mio discorso parlo di Palermo e Catania, che sono i due luoghi più rappresentativi. Ma, in un momento di vacche magre, questi soldi avrebbero potuto destinarli al settore dello spettacolo di tutta la regione, fatto di piccole realtà». 

Da quarant’anni nel mondo dello spettacolo, la maggior parte dei quali vissuti da attrice professionista, Carmela Buffa Calleo, oltre che esibirsi nei palcoscenici importanti della Sicilia, a novembre ha interpretato Mirandolina ne La locandiera di Carlo Goldoni, in Svizzera. L’ultima sua apparizione risale a dicembre, a Catania, con Enrico IV di Luigi Pirandello. «Siamo fermi da quasi un anno - osserva -. Non solo gli attori, ma tutti quelli che lavorano nel settore. Chi è riuscito a mettere da parte qualcosa e chi può contare sulla famiglia, oggi riesce a sopravvivere. Altri colleghi, invece, sono alla fame: molti si sono rivolti anche alla Caritas». 

Intanto, lo scorso 18 luglio, Devotion ha debuttato al Teatro antico di Taormina. A questa data sono poi seguiti altri eventi a Siracusa, Caltagirone, Castellamare del Golfo, Palermo. L’evento conclusivo si è tenuto il 16 agosto nella piazza di Polizzi Generosa, paese di origine di Domenico Dolce. «Iniziative del genere danno visibilità, poi però finiscono per diventare uno specchietto per le allodole se non si fa nulla per le realtà interne - conclude Buffa Calleo -. Da parte del presidente Musumeci mi aspettavo un comportamento diverso».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×