Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione, bocciata la mozione di sfiducia per Musumeci 
«Mi pare solo il certificato di esistenza in vita del M5s»

Il governatore l'ha definita «priva di serie motivazioni politiche, strumentale e pretestuosa». Toni quasi sempre pacati ma gli animi si agitano quando il discorso del presidente è terminato e i cinquestelle vorrebbero prendere parola. La seduta viene sospesa

Marta Silvestre

«Una mozione priva di serie motivazioni politiche e, quindi, strumentale e pretestuosa». Così il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci ha definito la mozione di sfiducia presentata dal gruppo parlamentare del M5s. «È una vicenda che mi ricorda la buonanima di mio padre che, periodicamente, era costretto a presentare all'Inps un certificato di esistenza in vita. Ecco - afferma il governatore - questa mozione mi pare quel certificato da parte del gruppo parlamentare che l'ha espressa». I cinquestelle avevano definito l'azione dell'esecutivo Musumeci «un rosario di fallimenti, una litania ininterrotta di tracolli». La mozione è stata bocciata: dei sessante presenti, infatti, 24 sono stati favorevoli e 36 contrari.

Dopo avere espresso solidarietà al presidente della commissione regionale antimafia Claudio Fava, per le gravi offese ricevute per la vicenda Antoci, Musumeci rende pubblica una propria sensazione: «Quando si entra in quest'aula si ha l'impressione di avere davanti la polizia di Stato in assetto antiguerriglia: il nemico da abbattere è il presidente della Regione». Alcuni dei punti contestati dal gruppo pentastellato sono state oggetto del discorso fatto in aula la settimana scorsa dal governatore. «Alcune cose, però, mi hanno davvero impressionato: una delle accuse che mi viene mossa - sottolinea Musumeci - non ha precedenti nel parlamento siciliano».

Il riferimento è alla nomina del leghista Alberto Samonà come assessore ai Beni culturali e all'Identità siciliana. «Una cosa pericolosa sul piano del confronto democratico - dice Musumeci - Il capogruppo del M5s (Giorgio Pasqua, ndr) parla della Lega come partito politico che "schernisce e offende il popolo italiano e siciliano e che si fonda su paura, odio e separatismo". Il M5s però - dice il presidente alzando il tono della voce fino quasi a urlare - questo partito lo ha portato al governo della nazione e ci ha diviso banco e sottobanco». 

Insomma, per Musumeci sono proprio i cinquestelle a non avere diritto di criticare la natura genetica della Lega. «Io ho diritto a nominare come assessori persone legate a me da un vincolo di fiducia e che abbiano un minimo di competenza. Su questo - ribadisce - non accetto veti. Di Samonà dite che è brutto o che è cortoma lei Cracolici - ironizza il presidente rivolgendosi al parlamentare del Partito democratico - non è che sia molto più alto. Ma non dite che è perché è della Lega che non avevo diritto di nominarlo». 

Dopo un lungo elenco delle cose fatte dal governo in questi due anni, il presidente torna ancora sulla questione della mozione utilizzando quasi tutta la mezz'ora che ha a disposizione. «Non posso raccogliere considerazioni che non hanno nulla di politico - dice ancora - Una mozione è una cosa seria se non è dettata da voglia di rivincita, di riscossa o da uno stato d'animo non sereno. Non mi sorprende - aggiunge Musumeci - che il gruppo parlamentare del Pd si sia accodato alla mozione». L'intervento del presidente finisce con un invito a tutti a votare «obbedendo solo alla propria coscienza». Quando è il momento di passare alle votazioni però gli animi si scaldano. Il M5s vorrebbe prendere la parola ma Miccichè, dopo avere usato la mascherina per coprirsi gli occhi, sospende la seduta «per cinque minuti» che durano, però, almeno cinque volte tanto. Alla fine, la mozione è stata bocciata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews