Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta, un altro arresto per l'omicidio di Adnan
Barba rasata e abiti pakistani per provare a camuffarsi

Tentare di cambiare il proprio aspetto non è servito a Muhammad Nawar. Dopo avere ascoltato molte testimonianze, gli inquirenti sono riusciti a individuare il 31enne senza fissa dimora che era già pronto a trasferirsi ad Ancona, nelle Marche

Marta Silvestre

Si era tagliato la barba e aveva ricominciato a vestirsi con abiti tipici del suo Paese di origine. Provare a camuffarsi però non è servito a Muhammad Nawar, 31enne pakistano che è stato arrestato per l'omicidio di Adnan Siddique. Il sesto complice del commando che ha ucciso il connazionale, la sera dello scorso 4 giugno, era anche in procinto di lasciare il capoluogo nisseno per trasferirsi ad Ancona, nelle Marche.

I poliziotti della squadra mobile e i militari del nucleo operativo e radiomobile dei carabinieri hanno individuato Nawar dopo avere ascoltato le testimonianze di molti pakistani che vivono stabilmente in città. Alcune dichiarazioni hanno permesso di ricostruire le fasi precedenti e successive al delittoil contesto criminoso in cui avrebbero operato gli indagatiSenza fissa dimora, Nawaz aveva trovato ospitalità in casa di un cittadino afgano a Caltanissetta. Adesso si trova in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il 32enne, che si occupava di riparazione e manutenzione di macchine tessili, è stato ammazzato con cinque coltellate per essersi fatto portavoce di alcuni braccianti vittime di caporalato. Avrebbe raccolto le lamentele di alcuni connazionali che lavoravano nelle campagne del Nisseno e avrebbe accompagnato uno di loro a sporgere denuncia. Gli inquirenti hanno anche ricostruito che Siddique aveva anche denunciato delle minacce subite. Tra gli accusati per il suo omicidio, c'è pure l'uomo che aveva denunciato

Muhammad Shoaib (27 anni), Alì Shujaat (32 anni) Muhammed Bilal (21 anni) e Imrad Muhammad Cheema (40 anni) si trovano in carcere perché accusati di essere gli autori del delitto. Il 48enne Muhammad Mehdi è stato arrestato per favoreggiamento e rimesso in libertà con l'obbligo di firma. Alcuni giorni dopo, è stato fermato il 20enne Awan Muhammed Shariel accusato di avere fatto parte del commando. In casa sua gli inquirenti hanno trovato tre cacciavite che potrebbero essere stati utilizzati come arma del delitto; nell'abitazione del padre, dentro uno zaino avvolto in un tappeto, c'erano i documenti di due delle persone arrestate nei giorni scorsi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews