Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta, 32enne è stato ucciso con cinque coltellate
Aveva già denunciato. «Difendeva braccianti dai caporali»

Il giovane di origine pakistana avrebbe raccolto le lamentele di alcuni suoi connazionali vittime di caporalato. Per l'omicidio sono stati fermati quattro uomini, un quinto per favoreggiamento. Tra questi c'è anche un soggetto che Adnan aveva denunciato

Marta Silvestre

Ci sarebbe l'ombra del caporalato dietro l'omicidio di Siddique Adnan, il 32enne di origine pakistana ucciso a coltellate, la sera del 3 giugno, mentre si trovava nel suo appartamento in via San Cataldo nel quartiere Strada Foglia a Caltanissetta. I carabinieri, che nei giorni scorsi hanno fermato quattro connazionali della vittima con l'ipotesi di omicidio e un quinto uomo per il reato di favoreggiamento, stanno portando avanti la pista d'indagine secondo cui il 32enne sarebbe stato ammazzato per essersi fatto portavoce di alcuni braccianti vittime di caporalato

Secondo quanto ricostruito finora dagli inquirenti, Adnan - che per lavoro si occupava di riparazione e manutenzione di macchine tessili ma che in passato era stato un bracciante agricolo - avrebbe raccolto le lamentele di alcuni suoi connazionali che lavoravano nelle campagne e avrebbe accompagnato uno di loro a sporgere denuncia.
Prima dell'omicidio, inoltre, la vittima avrebbe subito delle minacce e sarebbe anche andato a denunciarle. Tra i fermati per il suo omicidio, c'è anche l'uomo che Adnan aveva denunciato. Un delitto che sarebbe maturato in quell'ambiente, anche se gli inquirenti stanno ancora lavorando per ricostruire il movente. L'ipotesi su cui lavorano gli inquirenti è che gli aggressori facessero da mediatori tra datori di lavoro e loro connazionali per procacciare manodopera nel settore agricolo.

Intanto, ieri il medico legale Cataldo Raffino ha eseguito l'autopsia sul cadavere. Le coltellate sferrate contro il giovane sono cinque: due alle gambe, uno alla schiena, alla spalla e al costato. Quest'ultimo è risultato quello mortale. Un coltello di circa 30 centimetri, che risulta essere l'arma usata per uccidere Adnan, è stato trovato dai carabinieri poche ore dopo il delitto.

Il giudice per le indagini preliminari Gigi Omar Modica nella giornata di ieri ha interrogato ieri i quattro fermati per l'omicidio che si trovano in carcere: Muhammad Shoaib (27 anni), Alì Shujaat (32 anni) Muhammed Bilal (21 anni) e Imrad Muhammad Cheema (40 anni). È stato ascoltato anche Muhammad Mehdi, il 48enne arrestato per favoreggiamento. L'uomo è stato rimesso in libertà con l'obbligo di firma. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews