Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Prendevano fondi Ue ma avevano reddito cittadinanza
Operazione della guardia di finanza. Denunciati in 36

Si dichiaravano poveri ma percepivano le provvidenze della comunità europea. I militari hanno scandagliato le posizioni di 7600 persone. L'ammontare complessivo dei soldi percepiti in modo indebito supera i 200mila euro. Guarda il video

Redazione

Si dichiaravano poveri, ma in realtà percepivano provvidenze comunitarie previste dalla politica agricola comune quali imprenditori agricoli per decine di migliaia di euro, ottenendo indebitamente il reddito di cittadinanza. Nella lista delle posizioni irregolari sono finiti 36 imprenditori che, stando all'inchiesta Inside della guardia di finanza di Enna e della tenenza di Nicosia, «omettevano di indicare la percezione di fondi comunitari attingendo così al reddito di cittadinanza». Alcune delle persone finite sotto la lente d'ingrandimento arrivano a ottenere sussidi fino a 1200 euro al mese

Immediatamente sono state avviate le operazioni per la revoca del beneficio e il recupero di quanto indebitamente percepito. La somma complessiva, secondo le stime degli inquirenti, ammonta a oltre 200mila euro. L'operazione ha scandagliato le posizioni di 7600 beneficiari di contributi da parte dell'Agea, l'agenzia per le erogazioni in agricoltura. 

Il reddito di cittadinanza, come noto, spetta unicamente in presenza di stringenti requisiti, autocertificati dal richiedente e che hanno come obiettivo quello di dimostrare non solo la propria condizione di difficoltà, ma anche quella del nucleo familiare. In effetti, sebbene gli aiuti all'agricoltura a favore degli imprenditori del settore non formino oggetto di dichiarazione ai fini fiscali, lo stesso non vale per la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) ai fini del rilascio dell'attestazione Isee la quale contiene le informazioni di carattere anagrafico, reddituale e patrimoniale necessarie a descrivere la situazione economica complessiva riferita all'intero nucleo familiare del richiedente. Questa dichiarazione è necessaria per ottenere il reddito di cittadinanza.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews