Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid19, i consigli settimanali della psicoterapeuta
Per affrontare insieme questo «trauma collettivo»

La quarantena per arginare l'emergenza coronavirus, seppure con piccole future aperture, si prospetta ancora lunga. E dura. Ogni settimana vi proporremo alcuni strumenti per superare questo periodo e non farsi cogliere impreparati dal dopo

Potrei definire il coronavirus, dapprima sottovalutato dai più ma ora temuto in modo esponenziale, un vero e proprio trauma collettivo. La continua e centralizzante incertezza circa l’evolversi della situazione è costantemente accompagnata da un senso di impotenza e da una perenne percezione di essere in balia di, che si sommano alla precarietà e alla limitazione delle proprie libertà.

Negazione e fobia
Dinanzi ad una malattia infettiva sconosciuta, tra le reazioni più frequenti dei cittadini vi possono essere la negazione oppure, in contrapposizione, la fobia. La negazione è un meccanismo di difesa arcaico, presente sin dalla tenera età, che ben riflette il pensiero magico dei più piccini secondo i quali disconoscere una realtà sgradita corrisponde proprio ad eliminarla. Al cospetto di una realtà che si mostra eccessiva rispetto alla propria capacità di elaborazione si può ricorrere, in taluni casi, al meccanismo auto-protettivo che la mente umana utilizza per proteggersi rifiutando sentimenti troppi sgradevoli e dolorosi. Il termine fobia indica, invece, una paura irrazionale e persistente che appare essere sproporzionata; nonostante sia considerata irragionevole non può essere sovrastata ed obbliga ad un comportamento teso ad evitare o mascherare la situazione. 

Di chi è la colpa?
Una serie di domande aggrediscono ed attanagliano gli individui in questi giorni, spesso svariate volte nell’arco della giornata: perché sta succedendo? Da cosa deriva? Come mai si diffonde così velocemente? Di chi è la colpa? Soprattutto quest’ultima si ripropone in modo ricorrente ed impertinente; le persone cercano un responsabile.

Alcuni individui, infatti, per contrastare il senso di impotenza reagiscono tentando di individuare un colpevole per potersi nuovamente percepire in grado di aver controllo su cosa fare e sapere chi punire e come. Capita che rabbia e biasimo verso gli untori, accompagnati da una ricerca compulsiva di informazioni su teorie possibili che indichino chi poter additare, abbiano il sopravvento.

Quanto durerà?
Altri due ingredienti peculiari, che generano ansia e preoccupazione, sono l’imprevedibilità della durata di tale condizione di emergenza ed il bombardamento quotidiano di frasi, scene ed immagini ricorrenti ed intrusive riguardanti il virus. C’è chi tenta, in modo vano, di evitare ragionamenti o emozioni correlati al trauma; c’è chi vive un’attivazione psicofisiologica costante, iper-arousal (stato di iper-vigilanza), che può manifestarsi con tachicardia, sudorazione eccessiva, respiro accelerato, agitazione, tensione muscolare, aumento delle capacità attentive; c’è chi, invece, prova un profondo senso di abbandono, correlato a pensieri persistenti e negativi o di colpa.

L’importanza del contatto emotivo
Il contatto emotivo, in questo periodo più che mai, è a dir poco necessario; serve per aiutarci a fronteggiare questa situazione contribuendo a renderci ben equipaggiati, guarniti e fortificati. In questo momento così difficile vi è infatti un, conscio o meno, disperato, emergente e pressante bisogno di essere ascoltati, sostenuti e confortati. L’aspetto psicologico non è da tralasciare; al contrario, ha un’importanza cruciale per il riverbero che assumerà a breve, medio e lungo termine.

Dott.ssa Antonietta Germanotta
Psicologa e psicoterapeuta familiare - Psicotraumatologa EMDR
Sito web
Pagina Facebook

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews