Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

«In Sicilia noto un certo relax, niente di più sbagliato»
Appello di Musumeci: «guardinghi» almeno per 20 giorni

«Ho l'impressione che ci sia una sorta di relax, come se tutto fosse finito, come se le notizie che arrivano dal Nord fossero nostre, mentre qui il picco deve arrivare». Così il presidente della Regione sferza i siciliani

Redazione

«In Sicilia noto un certo relax, come se tutto fosse finito. Niente di più sbagliato. Qui ancora il piccolo lo attendiamo». Nello Musumeci vuole tenere altissima l'attenzione e, ospite stamattina di Storie italiane su Rai 1, sferza i siciliani. «Ancora il picco in Sicilia deve arrivare, ecco perché dobbiamo stare guardinghi almeno fino al prossimo 20 aprile». 

«Sono stato fin dall'inizio per la linea del rigore delle fermezza - continua - Riusciamo a contenere la diffusione solo se riusciamo a essere rigorosi e questo è un appello che rivolgo a tutti i siciliani e coloro che si trovano sull'isola. Ho l'impressione che ci sia una sorta di relax, come se tutto fosse finito, come se le notizie che arrivano dal Nord fossero nostre, mentre qui il picco deve arrivare. E sarebbe un vero peccato vanificare lo sforzo e i sacrifici che 5 milioni di siciliani stanno facendo».

Quindi critica la nuova circolare del ministero dell'Interno che ieri ha chiarito come le passeggiate con i bambini siano possibili in prossimità della propria abitazione e solo con uno dei due genitori. Non un nuovo decreto, ma una circolare inviata ai prefetti per fare chiarezza. Che Musumeci non ha gradito. «Sono assolutamente contrario alla possibilità data dal governo nazionale delle passeggiate con i bambini. Si faranno, ma solo quando sarà finita l'emergenza. Se ci sono casi di bambini affetti da particolari patologie, questa possibilità sarà consentita - ha aggiunto - ma solo con la certificazione medica che attesti queste gravi patologie. Se passa l'idea che il peggio è passato, è la rovina, si vanifica tutto, si innesca un picco incontenibile. È una guerra e nelle guerre le libertà personali subiscono pesanti sacrifici per il bene di tutti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews