Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, grandi poli petrolchimici rimarranno aperti
Sindacati: «Chiediamo ai prefetti di valutare essenzialità»

Il nuovo decreto del premier Conte scontenta i sindacati. A Siracusa dito puntato anche contro Confindustria. «Si poteva trovare linea comune per rispondere agli inviti del governo e invece si è lasciato decidere alle singole aziende», denuncia la Cgil

Simone Olivelli

Foto di: Isab

Foto di: Isab

I grandi stabilimenti industriali siciliani continueranno a lavorare. A prevederlo è il nuovo decreto del governo italiano sulle misure di contenimento del contagio da Covid-19 sull'intero territorio nazionale. Il testo è stato firmato dal premier Giuseppe Conte in serata. A esso è allegato un elenco con un'ottantina di voci in cui sono descritti i settori che non saranno toccati dalla stretta sulle filiere produttive del Paese. L'annuncio di una nuova chiusura era stato dato ieri sera in diretta Facebook. 

Il decreto prevede che le aziende che lavorano nell'estrazione del petrolio, della raffinazione del greggio e della produzione di prodotti chimici potranno proseguire le proprie attività. Una decisione che scontenta i sindacati, che da giorni chiedono un intervento deciso per tutelare la salute dei lavoratori. «I poli petrolchimici non sono luoghi sicuri, ogni giorno accolgono migliaia di lavoratori - torna a denunciare il segretario provinciale della Cgil a Siracusa Roberto Alosi -. Parlare di smart working, in questi posti, è possibile soltanto per il personale amministrativo o dell'area ingegneristica, ma operai e addetti alla manutenzione, compresi quelli che lavorano per le tante imprese delle indotto, è pressoché impossibile».

Nel testo esitato dal governo nazionale si menziona la figura dei prefetti, ai quali è affidato un margine di discrezionalità nella valutazione delle condizioni in cui vengono svolte le attività produttive. «Cercheremo di capire se si potrà far valere questo aspetto anche per le aziende del petrolchimico», anticipa Alosi a MeridioNews. Il sindacalista poi punta il dito contro Confindustria che a Siracusa si sarebbe tirata indietro davanti all'invito di trovare una linea comune da proporre alle aziende. «Si è lasciato decidere a ogni singola impresa come rispondere all'emergenza - attacca Alosi -. Noi da parte nostra continueremo a segnalare ogni situazione di pericolo perché una cosa va chiarita: il diritto alla salute non può venire dopo la produttività».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews