Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Musumeci rilancia: «Si metta l'esercito nei punti di arrivo»
Ulteriore stretta sui trasporti, Sicilia verso «autoisolamento»

Il presidente Musumeci ha mantenuto tutto il pomeriggio contatti con il governo nazionale. Si studia una nuova ordinanza che cancella molti dei collegamenti rimasti tra la Sicilia e il resto d'Italia. In serata la conferma: «Restano solo due voli per Roma»

Salvo Catalano

«L'esercito è già sulle strade in Sicilia, attraverso l'operazione Strade sicure. Bisogna modificare gli assetti e destinare una parte di questi uomini ai controlli nei punti di arrivo. E questo lo possono fare i Prefetti. Non si tratta di mettere i carri armati sulle strade ma di aiutare le forze dell'ordine, diventando un deterrente che può servire a scoraggiare gli arrivi dal centro nord ma anche da altri Paesi del Mediterraneo, visto che la Sicilia è una regione di frontiera, ecco perché il controllo degli accessi assume un importante significato». Il presidente della Regione Nello Musumeci alza il tiro e, ospite di Mezz'ora in più su Raitre, chiede al governo nazionale di usare l'esercito in funzione controlli anti coronavirus. 

Ieri la ministra dei Trasporti Paola De Micheli ha ordinato lo stop ai treni notte che viaggiano dal Nord verso la Sicilia. «Ho chiesto al ministro dei Trasporti - rilancia Musumeci - di predisporre un'ordinanza che blocchi non solo tutti gli arrivi dei mezzi di trasporto nelle ore notturne ma di impedire il movimento dei passeggeri extraregionali. E consentire soltanto il trasporto delle derrate alimentari. Ho il dovere di difendere la salute dei miei cittadini».

Per tutto il pomeriggio il presidente si è tenuto in contatto con la ministra De Micheli e con la collega all'Interno Luciana Lamorgese. E avrebbe ottenuto rassicurazioni su controlli più stringenti nei punti di partenza. Allo stesso tempo la Regione sta preparando una nuova ordinanza, che sarà resa pubblica nelle prossime ore, in cui si va verso un'ulteriore stretta sui trasporti dopo quella già messa in atto due giorni fa. Salteranno altri collegamenti da e per la Sicilia, all'orizzonte una riduzione (quasi cancellazione) degli autobus per Roma e il Nord, di navi e aerei. Allo studio la possibilità di mantenere solo collegamenti aerei con la capitale da Catania e Palermo. Si tratterebbe di una sorta di «autoisolamento» con pochissimi corridoi rimasti aperti su cui concentrare i controlli. 

E nella tarda serata arriva la conferma: «Sospensione dei collegamenti aerei, nazionali e internazionali, a eccezione di due voli al giorno tra Roma e Palermo/Catania - scrivono dalla presidenza della Regione in una nota - blocco di tutti i servizi automobilistici interregionali e dei servizi marittimi per il trasporto dei passeggeri, garantendo solo quello merci. Sono alcune delle prossime iniziative che il ministro dei Trasporti Paola De Micheli si appresta ad adottare, su richiesta del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, per contenere il contagio del Coronavirus nell’Isola. Saranno possibili gli spostamenti per i passeggeri da Villa San Giovanni e Reggio Calabria a Messina e viceversa, ma solo per comprovate esigenze di lavoro o di salute. Con Roma sarà mantenuto un solo treno intercity al giorno. Il governatore ha chiesto anche al ministro della Salute, Roberto Speranza, i necessari controlli sanitari alla partenza sia per i passeggeri che per i conducenti di mezzi di trasporto merci».

Stando ai dati aggiornati della Regione, negli ultimi 15 giorni sono tornati in Sicilia 31mila persone provenienti dal Nord Italia. Tanti sono quelli che si sono registrati nell'apposito portale Costruiresalute. «Ma quante altre migliaia sono entrate sull’Isola senza avvertire la stessa responsabilità e la stessa prudenza?», dice Musumeci. Che ieri ha inviato gli uomini del corpo forestale per i controlli sullo Stretto di Messina, agli imbarcaderi privati, insieme a volontari della Croce rossa. Cinque persone, tutte arrivate in auto, avevano la febbre e sono stati portati al Policlinico di Messina per essere sottoposti a tampone. E si è in attesa dei risultati.

Nelle stesse ore alla stazione di Messina le autorità sanitarie e la polizia hanno preso la temperatura a tutti i passeggeri arrivati col treno da Milano. Stando ai dati forniti dalla polizia ferroviaria, sono stati 350 i passeggeri controllati sui treni in Sicilia e uno solo è stato sanzionato. Tutti gli altri avevano un valido motivo per spostarsi.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews