Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione fa scorta del farmaco che sta dando buoni risultati
«Incoraggiante sui pazienti intubati e con gravi polmoniti»

I medici stanno usando il Tocilizumab, applicato solitamente per l’artrite reumatoide, per ridurre gli effetti del coronavirus a carico del sistema polmonare. «Seguiamo un doppio filone terapico, ma l'efficacia è tutta da dimostrare», spiega uno degli specialisti

Salvo Catalano

La Regione siciliana fa scorta di RoActemra (Tocilizumab). No, nell'Isola non si è trovata la cura contro il Coronavirus. Ma questo farmaco, nato per curare l’artrite reumatoide e iniettato per via endovenosa, sta dando buoni risultati sui pazienti contagiati da Covid-19 che sono intubati e con un quadro di stress respiratorio acuto grave. In sostanza risulta efficace nel ridurre gli effetti del coronavirus a carico del sistema polmonare. 

Per questo l'assessorato alla Salute ha disposto che l'ospedale Villa Sofia-Cervello di Palermo e il policlinico Vittorio Emanuele di Catania saranno i due hub per l’acquisto e lo smistamento del medicinale. Il primo sarà riferimento per gli ospedali del bacino occidentale (Agrigento, Caltanissetta, Palermo e Trapani), e il secondo per la zona orientale (Catania, Enna, Messina, Ragusa e Siracusa). La casa farmaceutica che lo produce, Roche, ha scritto al ministro della Salute e a tutti i presidenti delle Regioni per dare la sua disponibilità a inviarlo gratuitamente agli enti che ne facessero richiesta. 

Negli ospedali siciliani, così come nel resto d'Italia e prima ancora in Cina, ci sono due filoni terapici che si stanno attuando sui pazienti. «Un primo filone - spiega a MeridioNews Carmelo Iacobello, direttore di Malattie infettive nell'ospedale Cannizzaro di Catania - riguarda l'azione di contrasto al coronavirus in senso stretto. Questa azione antivirale è fatta attraverso farmaci non nuovi, già conosciuti per l'Hiv, in particolare il Lopinavir con il Ritonavir, un inibitore della proteasi, in sostanza cerca di bloccare alcuni enzimi di cui il virus si avvale per agire. A questi si aggiungono degli antimalarici con effetto antinfiammatorio».

Ieri proprio dal reparto di Malattie infettive dell'ospedale Cannizzaro è stato dimesso uno dei docenti di Agraria contagiati. Quanto hanno influito le cure? «Difficile dirlo - spiega Iacobello - ci sono troppe variabili in gioco. L'efficacia dei farmaci che stiamo usando è tutta da dimostrare».

Il secondo filone di terapia è invece quello che cerca di combattere gli effetti del Coronavirus come la polmonite. Ed è qui che si inserisce il Tocilizumab di cui la Regione sta facendo scorta. «È un farmaco - continua il direttore di Malattie infettive - usato solitamente per l’artrite reumatoide e che stiamo provando nelle forme di polmoniti molto gravi. Nei pazienti intubati facciamo il dosaggio di interleuchina 6 (una proteina coinvolta nel processo di infiammazione) e se è molto alto li trattiamo con questo farmaco. I risultati - conclude - sono incoraggianti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews