Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Carceri, rivolta a Palermo: bloccato tentativo di evasione
Stop colloqui causa coronavirus. Grida dalle celle: «Indulto»

Massima allerta nel capoluogo, dove l'istituto è circondato da polizia e carabinieri in antisommossa. Ieri protesta pacifica anche a Trapani, a Catania situazione tranquilla. «Serviva il coronavirus per rendere evidente che siamo al collasso». Guarda il video

Redazione

Monta la protesta in diverse carceri italiane. In Sicilia massima allerta a Palermo. Stamattina al carcere dell'Ucciardone c'è stato un tentativo di evasione. Alcuni detenuti per protesta - che sarebbe provocata dai timori per il contagio da coronavirus e per lo stop ai colloqui fino al 3 aprile, imposto dai nuovi proovedimenti - hanno tentato di divellere la recinzione dell'istituto di pena per cercare di fuggire. Il tentativo è stato bloccato dalla polizia penitenziaria. Il carcere è circondato dai carabinieri e polizia in tenuta antisommossa e anche le mura sono presidiate. Le strade tutto attorno sono chiuse. 

Ieri sera una protesta meno veemente si era registrata nell'altro carcere di Palermo, il Pagliarelli. I detenuti hanno cominciato a battere posate e tazze sulle sbarre, e poi avrebbero appiccato il fuoco all'interno di alcune celle. Nel fratempo i loro parenti si sono ritrovati in strada, bloccando il traffico e manifestando davanti ai cancelli. Sia all'Ucciardone che al Pagliarelli i reclusi hanno gridato: «Indulto indulto». 

«Da soli - denunciano le sigle sindacali della polizia penitenziaria Sappe, Osapp, Uil Pa, Fns Cisl, Cgil, Cnpp Fsa - non potranno arginare le sommossa e le rivolte dei detenuti che, cogliendo l’occasione della sospensione dei colloqui con i familiari, violano la legge distruggendo tutto con il fine anche di evadere dagli Istituti Penitenziari. Per questi motivi chiediamo aiuto al Presidente della Regione Sicilia, ai Prefetti, ai sindaci, affinché questa emergenza venga affrontata con la giusta determinazione, sollecitando il presidente del Consiglio  affinché metta a disposizione della polizia penitenziaria - con la massima celerità - personale e mezzi idonei a fronteggiare le costanti e pericolose violenze».

Anche nel carcere Pietro Cerulli di Trapani ieri pacifica protesta contro le nuove disposizioni del governo nazioanale. È stata messa in atto dai familiari di alcuni detenuti, circa una quarantina di persone che si sono riunite alle spalle della struttura. Alcuni striscioni sono stati affissi di fronte all’ingresso delle carceri. Presenti sul posto il comandante della polizia penitenziaria Peppe Romano ed alcune pattuglie dei carabinieri. La protesta è rientrata senza problemi per l'ordine pubblico. La casa circondariale ha annunciato di volersi organizzare nei prossimi giorni per offrire la possibilità ai detenuti di contattare le famiglie tramite Skype e via telefono.

A Catania non si registrano, per il momento, tensioni tra i detenuti. Nulla da segnalare né nella casa circondariale di piazza Lanza né nell'Istituto penale minorile di Bicocca né nel penitenziario che si trova nella stessa sede. «Stiamo cercando di spiegare al personale e alla popolazione detenuta che le limitazioni servono a tutelare la sicurezza di tutti, anche dei visitatori», spiega a MeridioNews Armando Algozzino della Uilpa polizia penitenziaria. «Se si dovessero registrare casi di coronavirus in strutture detentive, il problema riguarderebbe l'intera comunità, non soltanto chi è recluso - prosegue il sindacalista - Fa specie, però, che sia stata necessaria una emergenza di questo genere, con le rivolte nei penitenziari di tutta Italia, per rendere evidente a tutti quello che noi denunciamo da anni: siamo al collasso, non ci sono abbastanza agenti, il personale sanitario è ridotto al lumicino e questo dipende solo dalle aziende sanitarie regionali. Noi speriamo nell'intelligenza di tutti, spieghiamo e formiamo: ogni misura tutela il benessere collettivo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews