Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mazara del Vallo: arrestato con l'accusa di pedofilia
Maestro di ballo avrebbe tentato approccio con minore

È ritenuto responsabile di adescamento di minori, pornografia minorile e corruzione di minorenne. Il magistrato non ha ritenuto sufficienti i gravi indizi di colpevolezza per la tentata violenza sessuale aggravata.

Redazione

Nella serata del 25 febbraio scorso, la Squadra Pegaso della Sezione Investigativa del Commissariato di P.S. di Mazara del Vallo ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari, emanata dal G.I.P. presso il Tribunale di Palermo, nei confronti di un uomo, ritenuto responsabile dei reati di adescamento di minori, pornografia minorile e corruzione di minorenne. Il magistrato, al momento, non ha ritenuto sufficienti i gravi indizi di colpevolezza in merito alla tentata violenza sessuale aggravata. 

La misura trae origine dall’attività di indagine svolta dai poliziotti del Commissariato di P.S. di Mazara del Vallo, avviata alla fine dello scorso anno, a seguito della denuncia sporta da una minore nei confronti dell’uomo, il quale svolgeva la professione di insegnante di ballo nella provincia trapanese. 

L’arrestato aveva, dapprima, conversato con la vittima, tramite l’applicazione WhatsApp, tentando di carpire la sua fiducia. Successivamente, l’arrestato le aveva manifestato espressamente il desiderio di avere un rapporto sessuale con lei, inviandole anche foto e video sessualmente esplicite. Infine lo stesso aveva tentato, altresì, di avere un contatto intimo con la vittima, profittando dei rapporti professionali instaurati con la minore, la quale frequentava uno dei corsi tenuti dall’insegnante. 

I poliziotti del Commissariato mazarese, coordinati dalla Procura della Repubblica di Palermo, hanno scandagliato a fondo il contesto ambientale e le circostanze esposte in denuncia, allargando a 360 gradi le indagini sull’uomo, il quale, per allontanare ogni sospetto da sé e sviare i poliziotti, aveva presentato una denuncia per una presunta clonazione del proprio cellulare. Lo stratagemma non è, tuttavia, servito e, nella serata di martedì scorso, l’uomo, allontanatosi dalla provincia trapanese per affari privati, è stato rintracciato dai poliziotti del Commissariato di P.S. di Mazara del Vallo e sottoposto, come detto, alla misura cautelare restrittiva presso la propria abitazione.

(Fonte: polizia di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews