Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A19 interrotta, una notte da incubo per 50 camionisti
Intrappolati sulla Sp19 e assistiti dalla Croce Rossa

Dopo che un tir è uscito di strada, non è bastata un'intera giornata per liberare i mezzi pesanti rimasti incolonnati lungo una delle strade alternative all'autostrada Palermo-Catania. Così nella notte è scattata l'assistenza con coperte e tè caldo. Guarda foto e video

Alberto Sardo

Come se non fosse bastata la giornata, per una cinquantina di camionisti rimasti intrappolati sulla provinciale 19 di Resuttano l'incubo è andato avanti anche nella notte. Volontari e mezzi della Croce Rossa Italiana sono entrati in azione ieri sera per portare soccorso. 

Una situazione irreale quella che si è verificata ieri lungo la strada che i mezzi pesanti oltre le 3,5 tonnellate sono costretti ad attraversare dopo la chiusura di un tratto dell’autostrada A19 per il rischio crollo del viadotto Cannatello, tra Resuttano e Ponte Cinque Archi. Nel primo pomeriggio di martedì un autoarticolato di una ditta che si occupa di smaltimento di rifiuti che viaggiava a pieno carico, nell’affrontare una curva era finito con la parte posteriore in una cunetta rimanendo bloccato. Fortunatamente il mezzo per metà nel terrapieno e per l'altra metà in mezzo alla carreggiata, non si è completamente ribaltato e non ci sono notizie di feriti. 

Da quel momento, però, decine di tir, autoarticolati e camion sono rimasti in fila per ore. Letteralmente incastrati in una strada stretta che non consente di andare né avanti né indietro. Sul posto sono subito intervenuti vigili del fuoco, polizia stradale e personale Anas. Le manovre per rimettere in carreggiata il mezzo pesante si sono rivelate più complesse del previsto. Intorno alle 22,45 è giunta sul posto un’altra gru per rimuoverlo e liberare la circolazione. Nel frattempo i camionisti sono rimasti a bordo dei mezzi per trascorrere la notte. Solo alle sette di stamattina il tir è stato rimosso e la strada liberata. 

Il dipartimento regionale di Protezione civile ha allertato la Croce rossa Italiana di Caltanissetta. Il presidente del comitato provinciale, Nicolò Piave , ha coordinato l’invio di venti volontari con cinque mezzi e un camper attrezzato di coperte, panini, tè ed acqua per tutti.  

L’Anas, intanto, ha comunicato ieri pomeriggio l’uscita obbligatoria a Tremonzelli per i mezzi pesanti diretti a Catania. Personale della società è presente allo svincolo per la gestione della viabilità. La situazione è attentamente monitorata dalla prefettura di Caltanissetta, in costante contatto con la polizia stradale e il dipartimento regionale di Protezione civile per eventuali problematiche che dovessero evidenziarsi per i camionisti. 

«Il percorso alternativo per i mezzi pesanti eccedenti le 3,5 tonnellate in direzione Palermo-Catania prevede l’uscita allo svincolo di Tremonzelli e, dopo avere percorso le strade statali 120 e 117, il rientro in autostrada allo svincolo di Mulinello». È quanto si legge nella nota dell'Anas diffusa nel pomeriggio di martedì. Tuttavia questo percorso non è riferito a tutti quei mezzi che si dirigono a Caltanissetta, Agrigento e Gela, costretti ad uscire allo svincolo di Resuttano e percorrere le provinciali 19, 10, 72 e 112 e un tratto di statale 112 fino allo svincolo di ponte Cinque Archi prima di rientrare in autostrada. In una precedente nota, infatti, la stessa Anas aveva indicato l’uscita di Tremonzelli per i veicoli pesanti diretti a Catania. 

«Lungo tali strade provinciali Anas, pur non avendo diretta competenza, su richiesta delle amministrazioni locali ha provveduto ad avviare interventi urgenti di messa in sicurezza del piano viabile, attualmente in corso di esecuzione». Il riferimento è ai lavori di manutenzione annunciati la scorsa settimana e iniziati nei giorni scorsi, a seguito di un sopralluogo congiunto con il viceministro alle infrastrutture, Giancarlo Cancelleri richiesto da alcuni sindaci del Nisseno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews