Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scontro Regione-agricoltori, all'Ars prove di dialogo
«Confronto è necessario per evitare errori in futuro»

La commissione d'esame sulle Attività dell'Unione Europea all'Assemblea regionale siciliana ha convocato ieri le associazioni di categoria nel tentativo di far ripartire il dialogo, dopo lo strappo consumato il un duro faccia a faccia col governatore

Miriam Di Peri

A tentare la via del dialogo dopo la tempesta è stata ieri la commissione d'esame sulle Attività dell'Unione Europea all'Ars. Dopo la protesta di piazza degli agricoltori siciliani contro il governo e il duro faccia a faccia privato consumato a Palazzo d'Orleans, è la vommissione parlamentare a gettare acqua sul fuoco e invitare la Regione e le associazioni di categoria a tentare la via del dialogo sul programma di sviluppo rurale. Il dato che è emerso, ancora una volta, nel corso dell'audizione, è quello di un Programma di sviluppo rurale fermo al palo in molte delle misure d'intervento, in parte per errori addebitabili alla precedente gestione dell'assessorato regionale all'Agricoltura, in parte a quella attuale. 

Il dato di fatto è che anche quest'anno sarà corsa contro il tempo entro il 31 dicembre per certificare la spesa per gli anni 2014 e 2015 ed evitare di rimandare indietro i fondi all'Europa. Una corsa contro il tempo con poche risorse umane e troppi intoppi per lasciare ragionevoli margini di ottimismo, ma a 40 giorni dalla fine dell'anno si resta ancora aggrappati alla speranza. 

Secondo il presidente della commissione, Giuseppe Compagnone, «è fondamentale che in futuro non si torni a commettere gli errori del passato e in questo senso la commissione che presiedo vigilerà affinché il dialogo tra l'istituzione e le associazioni di categoria sia costante e possa permettere alla Sicilia di non sprecare risorse preziose». «Incalzeremo il governo - aggiunge Giuseppe Lupo, capogruppo Pd e componente dell'organismo parlamentare - affinché risponda alle giuste richieste delle associazioni agricole, che hanno recentemente manifestato contro il governo Musumeci». Il canale del dialogo, da quella manifestazione, in ogni caso ieri è stato riaperto e anche Coldiretti ammette che l'audizione «sicuramente è servita a chiarirsi ulteriormente sulle problematiche».

Il Psr Sicilia ha un budget di più di due miliardi di euro, il più grande d'Italia. «Fino ad oggi, però - ammette il pentastellato Luigi Sunseri - ha speso circa 400milioni di euro della quota Feasr. E ne dovrà utilizzare altri 97,7 entro il 31 dicembre prossimo e per farlo ha bisogno di spendere complessivamente almeno 161,4 milioni, così da azzerare un rischio di disimpegno automatico. Rischio che va scongiurato a tutti i costi». Ma Sunseri fa anche il quadro delle misure più o meno arenate, tra cui la più importante in termini di potenziali risorse disponibili è la 4.1, quella cioè legata all'ammodernamento delle aziende agricole, sulla quale ci sono oltre un centinaio di ricorsi al Tar, che hanno consentito di sbloccare soltanto una minima parte delle risorse. 

Poi c'è la misura 6.1, che mira a favorire l'inserimento dei giovani in agricoltura, su cui le procedure sembrano essersi velocizzate soltanto negli ultimi mesi. Per quanto riguarda la misura 8.1, destinata ad interventi di rimboschimento, Sunseri denuncia che sono «scandalosamente fermi dal 2017 tutti i progetti immediatamente cantierabili e pronti per la spesa. Così come la 6.4c, rivolta al finanziamento di strutture ricettive (B&B), incredibilmente ferma. Non è stata nemmeno pubblicata la graduatoria provvisoria dopo due anni». Il deputato pentastellato, così come le associazioni di categoria, denunciano enormi ritardi anche sulla 6.2 (Avvio imprese extra agricole) perché mancherebbero i decreti dopo due anni. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews