Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Un inceneritore a Catania? I Cinque stelle contrari
«Musumeci mantenga la parola e non lo autorizzi»

Intervengono i deputati regionali del Movimento cinque stelle sul progetto di gassificatore della famiglia Leonardi, raccontato oggi da MeridioNews. «L’ipotesi del termovalorizzatore sarà il banco di prova del governo»

Redazione

«Un inceneritore a Catania? Siamo assolutamente contrari e non crediamo che la Regione possa autorizzarlo. Il governo in aula ha sempre detto che non avrebbe favorito gli impianti privati». Così intervengono i deputati regionali del Movimento 5 stelle in commissione Ambiente rispetto al progetto di gassificatore della famiglia Leonardi, raccontata oggi da MeridioNews

«Inoltre manca il Piano rifiuti, che ancora dev’essere approvato - continuano i parlamnetari Giampiero Trizzino, Stefania Campo, Nuccio Di Paola e Valentina Palmeri, insieme alla deputazione catanese (il capogruppo all’Ars, Francesco Cappello, con Gianina Ciancio, Jose Marano e Angela Foti) - pertanto al momento non esiste un quadro complessivo che dia un senso alla presenza di un termovalorizzatore. Il privato ha ogni diritto di presentare progetti, ma le istituzioni devono fare scelte coerenti con la loro politica ambientale».

I Leonardi, proprietari della più grande discarica della Sicilia tra Catania e Lentini, hanno presentato a luglio tutta la documentazione necessaria per realizzare un gassificatore. In realtà un progetto era già stato autorizzato dieci anni fa ma mai realizzato. Quindi recentemente è stato presentato una modifica sostanziale al progetto che deve essere sottoposto a un nuovo iter autorizzativo.

«L’ipotesi del termovalorizzatore catanese ad opera di privati - attaccano i Cinque stelle - sarà il banco di prova del governo Musumeci, che in più occasioni ha detto di voler privilegiare gli impianti pubblici. Vedremo se il governo manterrà la parola. In ogni caso, ribadiamo che le politiche di gestione del ciclo dei rifiuti devono puntare sul potenziamento della differenziata, pratica virtuosa che abbatte il residuo in discarica e quindi il ricorso all’incenerimento».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews