Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scrigno, chiuse indagini su mafia e politica a Trapani
Quattro nuovi nomi di politici raggiunti da un avviso

Il blitz che portò all'arresto dell'ex deputato Ars Paolo Ruggirello si allarga a personalità finora non raggiunte da alcuna misura. Per gli investigatori il leader di Nati liberi Luigi Manuguerra avrebbe bussato a un esponente del mandamento trapanese

Pamela Giacomarro

Foto di: Wikipedia

Foto di: Wikipedia

Avviso di conclusione delle indagini per 29 persone nell’ambito dell’operazione Scrigno, messa a segno lo scorso mese di marzo e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Operazione che portò alla luce tutta una serie di rapporti tra mafia, politica ed imprenditoria in provincia di Trapani e all’arresto, fra gli altri, dei fratelli Virga, figli del vecchio capo mandamento della città falcata, del pregiudicato Francesco Orlando e dell’ex deputato regionale del Partito Democratico Paolo Ruggirello, accusato di aver intrattenuto rapporti con esponenti di Cosa Nostra.

Nel mirino della procura finisco anche altri soggetti, ad oggi mai raggiunti da alcuna misura cautelare. Si tratta dell’attuale consigliere comunale di Erice, Alessandro Manuguerra, il padre Luigi, leader del Movimento Nati Liberi e Vito Mannina, padre dell’attuale consigliera comunale della Vetta, Simona. Per loro l’accusa è di voto di scambio politico-mafioso. Secondo la tesi della Procura, Vito Mannina si sarebbe rivolto a Pietro Virga e Pietro Cusenza, esponenti del mandamento di Trapani, per chiedere sostegno elettorale a favore della figlia quando era candidata al consiglio di Erice e per se stesso, candidato invece a Trapani, in cambio di 5mila euro. Stessa accusa mossa nei confronti di Luigi Manuguerra. 

Per gli investigatori, il leader del movimento Nati Liberi sarebbe andato a bussare alla porta di Francesco Orlando, altro esponente del mandamento trapanese, chiedendo voti per il figlio Alessandro in cambio di 10mila euro. Avviso di conclusione indagini anche per l’ex braccio destro di Paolo Ruggirello, il già candidato alle ultime primarie del Pd ericine Francesco Todaro

Lo scorso mese di marzo la Procura ne aveva chiesto l’arresto, respinto dal giudice per le indagini preliminari. Accusato di voto di scambio anche l’imprenditore Ninni D’Aguanno e la moglie Ivana Inferrera, ex assessore del comune di Trapani. Per i principali indagati, invece, il reato contestato è associazione a delinquere di stampo mafioso. Per Ruggirello, la distrettuale antimafia non ha tenuto conto del pronunciamento del tribunale del Riesame che, pur rigettando la scarcerazione, aveva derubricato a concorso esterno il capo d’imputazione. Anche per lui, invece, è stato contestato il 416 bis.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews