Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Nave Gregoretti, chiesta l'archiviazione per Matteo Salvini
Ipotesi sequestro di persona. «Paura? Di niente e nessuno»

L'ex ministro dell'Interno ha ricevuto la busta chiusa con l'intestazione della procura distrettuale della Repubblica di Catania. Subito ha pubblicato sul suo profilo Facebook un selfie. «Che dite, buone o cattive notizie?», ha scritto nel commento

Marta Silvestre

La procura di Catania ha chiesto l'archiviazione per Matteo Salvini sul caso della nave Gregoretti per cui l'ex ministro è indagato per sequestro di persona. La richiesta è stata inviata al tribunale dei ministri di Catania ed è stata notificata al leader della Lega che ha subito pubblicato un selfie sul suo profilo Facebook in cui immortala anche la busta contenente il documento

«Sabato pomeriggio, a casa coi bimbi a fare i compiti e guardare i cartoni, suonano alla porta e ti consegnano una busta chiusa che arriva dalla Procura di Catania... Mah... Che dite, buone o cattive notizie? La apriamo insieme più tardi e ne parliamo. Paura? Di niente e di nessuno!». È il post che accompagna l'autoscatto del leader della Lega.

Un fascicolo contro ignoti era stato aperto, a fine luglio, dalla procura di Siracusa. Gli atti erano poi stati trasferiti a Catania e l'allora ministro era stato iscritto nel fascicolo con l'ipotesi di reato di sequestro di persona che, adesso, il pubblico ministero ha ritenuto non sussistente e ha chiesto l'archiviazione al tribunale etneo che adesso dovrà decidere.

L'imbarcazione della guardia costiera italiana, con a bordo 135 migranti soccorsi in mare lo scorso luglio, arrivata a Catania era rimasta per giorni in attesa dell'assegnazione di un porto. L'allora ministro dell'Interno aveva bloccato la procedura «in attesa che ci sia sulla carta una redistribuzione in tutta Europa» delle persone trasportate. Cinquanta delle quali erano state salvate dal peschereccio Accursio Giarratano di Sciacca, mentre erano su un gommone alla deriva. 

Nel porto etneo era stata fatta sbarcare una donna all'ottavo mese di gravidanza insieme ai membri della sua famiglia, il marito e due figli piccoli.Giorni dopo, era arrivato il via libera allo sbarco per i sedici minori a bordo con la nave ormeggiata al molo Nato di Augusta. Nei giorni successivi, il procuratore capo di Siracusa Fabio Scavone aveva aperto un'inchiesta sulle carenze nell'assistenza sanitaria. Dai risultati della relazione degli infettivologi era emerso «un caso di tubercolosi e un altro di cellulite infettiva; venti di scabbia e qualche altro caso con diverse patologie. In totale sono 29 i migranti con problemi di natura sanitaria».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×