Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La nave arcaica di Gela, il sogno di Tusa si realizza
Sarà esposta in un palazzo intitolato all'ex assessore

Alla presenza della soprintendente del Mare, nonché moglie dell'archeologo scomparso tragicamente, è stato annunciato il via libera al progetto che porterà a un'esposizione temporanea dell'importante relitto, rimasto fino a ora dentro alcune casse

Jerry Italia

Foto di: Andrea Turco

Foto di: Andrea Turco

Prende forma a piccoli passi il sogno del compianto Sebastiano Tusa: entro un anno circa Gela potrebbe esporre finalmente la Nave Arcaica, recuperata sette anni orsono nei fondali di Bulala e poi sepolta per mancanza di spazi espositivi in alcune casse, riposte in un magazzino del Museo Archeologico gelese. 

L’ex assessore regionale ai Beni Culturali, scomparso tragicamente lo scorso marzo in un incidente aereo in Africa, aveva lavorato fino al suo ultimo giorno affinché si accelerassero i tempi per la realizzazione del Museo del Mare, nel sito di Bosco Littorio. Con il passare degli anni però, a causa dei tempi della burocrazia e di una serie di ricorsi, l’iter è stato rallentato fin quasi a fermarsi. Ora finalmente potrebbe arrivare il via libera al progetto, anche se i tempi di realizzazione potrebbero comunque restare lunghi. A questo si aggiunge il Museo Archeologico che nelle ultime settimane ha dovuto chiudere per motivi strutturali e che non si sa al momento quando potrà riaprire al pubblico. Ecco perché i vertici del Polo Museale e la Soprintendenza hanno scelto di percorrere una via alternativa. 

Un intero edificio storico della città, quello che un tempo ospitava il monastero delle Benedettine, verrà ristrutturato ed utilizzato come Palazzo delle Esposizioni e, nell’immediato, verrà attrezzato per ospitare il relitto della Nave e i reperti attualmente custoditi nel Museo gelese, chiuso per ristrutturazione. Ciliegina sulla torta, il palazzo sarà intitolato proprio a Sebastiano Tusa, che cinque giorni prima della sua scomparsa aveva effettuato un sopralluogo nei locali dell’ex convento e aveva dato il suo benestare all’allocazione del relitto. 

Un omaggio voluto dal sindaco di Gela, Lucio Greco, che ha trovato la condivisione di tutti gli attori coinvolti. Lunedì, infatti, a Palazzo di Città ha fatto visita la Soprintendente del Mare Valeria Li Vigni, moglie del compianto Tusa, e il Direttore del Parco Archeologico Luigi Maria Gattuso, accompagnati dagli specialisti dell’Università di Ginevra che, insieme alla società svizzera Hublot, stanno studiando i fondali di Bulala alla ricerca di nuovi reperti

«In questa nuova struttura museale racconteremo al mondo la storia del porto arcaico e del territorio – dice la Soprintendente - Verranno messi insieme sia i reperti di mare che quelli di terra e, soprattutto la Nave di Gela. Sebastiano – aggiunge con un filo di commozione – sarebbe orgoglioso di quello che si sta realizzando in città, perché ha sempre avuto a cuore Gela e la sua storia millenaria. Lui è sempre stato un uomo del fare e i risultati del suo lavoro continuano a realizzarsi anche adesso che non c’è più». 

«Tutto il progetto si svolgerà in tre fasi – ha spiegato il direttore Gattuso – partiamo dall’individuazione dei fondi per poi passare alle verifiche di idoneità dell’edificio. Terminati questi passaggi passeremo al trasloco vero e proprio dei reperti e, soprattutto, al montaggio del relitto della Nave». Ci vorrà almeno un anno per completare le teche espositive e il trasferimento degli importanti reperti, attualmente presenti all’interno del museo regionale, inagibile a causa dei recenti cedimenti. Quindi l’ex convento delle Benedettine diverrà, seppur temporaneamente, la sede dove verrà allestito un percorso archeologico, tutto incentrato sulla nave arcaica e sui ritrovamenti che negli anni si sono susseguiti, soprattutto nei fondali di contrada Bulala.

A finanziare la spesa di circa due milioni di euro sarà Eni che prenderà i fondi dai 32 milioni di euro delle compensazioni previste dal Protocollo del 2014 che sancì il passaggio dalla raffinazione classica a quella Green. «Siamo contenti di poter realizzare finalmente delle cose concrete per il territorio - ha dichiarato il presidente di raffineria Francesco Franchi – per noi è un punto d’onore dare il nostro sostegno alla creazione di questo polo d’attrazione importantissimo. Un gioiello vero da godere e da mostrare a tutto il mondo». 

«Siamo finalmente in dirittura d’arrivo – ha spiegato il sindaco Greco – nelle prossime settimane daremo incarico per le perizie tecniche e faremo in modo che il progetto possa andare in porto entro la fine di quest’anno, così come indicato dalla Soprintendenza. Crediamo che un polo di questo tipo possa attrarre un flusso di almeno quarantamila visitatori all’anno ».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews