Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Reddito di cittadinanza, solo da ottobre offerte di lavoro
Navigator come gli sportellisti? Regione prova a tutelarsi

In Sicilia la fase due del sussidio - sottoscrizione del patto di servizio e affidamento ai navigator per trovare un'occupazione - è in ritardo. Da lunedì i navigator saranno nei centri per l'impiego, ma dal dipartimento regionale arrivano precise precauzioni

Salvo Catalano

La fase due del reddito di cittadinanza sarebbe dovuta iniziare il 2 settembre. Ma in Sicilia anche il secondo livello richiede tempi più lunghi rispetto ad altre zone del Paese. Fino a oggi, infatti, nessuno ha ancora bussato alla porta dei 156mila percettori siciliani del sussidio. Lo faranno a partire da lunedì 16 settembre nei centri per l'impiego di provincia, mentre nelle grandi città gli incontri che finalmente metteranno faccia a faccia utenti, navigator e personale del Cpi dovrebbero scattare solo dall'1 ottobre. 

In queste settimane i 429 navigator siciliani - le figure contrattualizzate da Anpal Servizi e destinate a diventare gli angeli custodi dei percettori del reddito - hanno completato la formazione interna. Ma ancora quasi nessuno di loro si è visto nei centri per l'impiego. «Sono in fermo biologico», si lascia scappare qualche dipendente regionale. 

Il periodo di affiancamento ai lavoratori del Cpi, che mira a completare la loro formazione, dovrebbe iniziare nei prossimi giorni. A Catania, ad esempio, l'esordio dei navigator è fissato per lunedì prossimo. Dovranno stare seduti a osservare e ascoltare - ma ancora non si sa su quali sedie perché la strumentazione promessa dall'assessore regionale Antonio Scavone non è arrivata - ma non toccare. Dal vertice del dipartimento alla Formazione della Regione, infatti, sono arrivate indicazioni precise ai direttori dei Centri per l'impiego: non chiedere orari, disponibilità, né fargli usare servizi o attrezzature. Lasciare, insomma, che sia Anpal Servizi a gestire in tutto per tutto i navigator, per evitare di creare un nuovo caso sportellisti della formazione. Quei lavoratori che, a partire dal 2000, hanno lavorato presso enti privati a cui la Regione ha affidato competenze proprie degli ex uffici di collocamento. Figure ibride che ancora oggi bussano alla porta della Regione chiedendo la stabilizzazione, e che guardano con ansia ai nuovi concorsi che l'assessore Scavone ha promesso (mille posti in tre anni nei centri per l'impiego siciliani, con il primo bando da pubblicare entro ottobre). 

Il ruolo dei navigator, finito il periodo di formazione, sarà quello di trovare un lavoro ai percettori del reddito. Prima, però, questi ultimi dovranno essere convocati per sottoscrivere il patto di servizio, cioè il documento dove verranno delineate competenze e attitudini. Le convocazioni sono partite in questi giorni. Solo dopo - e quindi verosimilmente a partire da fine settembre nei centri più piccoli e da metà ottobre in quelli più grandi - entreranno in azione i navigator. Che dovranno andare a pescare le offerte di lavoro sulla nuova piattaforma digitale che Anpal Servizi non ha ancora messo a disposizione, dove dovrebbero confluire tutte le offerte dei vari Cpi. Un panorama decisamente misero in Sicilia. Al momento, ad esempio, le posizioni aperte in tutta l'isola sono appena 25: tra commessi, aiuto pizzaioli, ma anche un addetto alla sicurezza informatica e uno alla contabilità. Passando anche per un'azienda di Paternò che cerca raccoglitori di ficodindia. 

Basteranno? Impossibile. Ecco perché, nei centri per l'impiego si aspettano che i navigator non rimangano dentro gli uffici, aspettando che le offerte di lavoro arrivino dai soliti e asfittici canali, ma che avviino una serie attività di scouting sul territorio di loro competenza. In caso contrario, i 156mila percettori di reddito in Sicilia - per una platea complessiva di 408mila beneficiari se si considerano anche i nuclei famigliari - continueranno a ricevere il sussidio (in media 575 euro) senza nulla in cambio, come fatto negli ultimi sei mesi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews