Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, danneggiate auto degli agenti penitenziari
«L'ennesimo grave episodio all'interno del carcere»

I sindacati rimarcano la gravità di quanto accaduto nel parcheggio del penitenziario, dove qualcuno, approfittando del mancato funzionamento dell'impianto di videosorveglianza, ha compiuto il raid vandalico

Pamela Giacomarro

Tre auto appartenenti ad agenti di polizia penitenziaria sono state danneggiate nella notte all’interno del parcheggio del carcere di Trapani

Approfittando del buio e dell’assenza di telecamere di videosorveglianza funzionanti, gli autori del raid vandalico sono riusciti facilmente ad entrare all’interno del parcheggio, scavalcando il muro di cinta dal lato del viale della Provincia dove la ringhiera è completamente divelta.

Sul posto è intervenuta la scientifica che avrebbe trovato delle tracce di sangue. Solidarietà è stata espressa dal segretario regionale della Uilpa Gioacchino Veneziano. «Sono anni che denunciamo le tantissime falle nel sistema di sicurezza delle carceri di Trapani, aggravate dalla carenza di personale - sottolinea il sindacalista - Quello di oggi è l’ennesimo episodio grave avvenuto all’interno dell’Istituto. Sarebbe necessaria una visita da parte del capo del dipartimento per verificare come è stata amministrata in questi anni la struttura». 

Sulla vicenda è intervenuto anche il coordinamento regionale del Sinappe con una nota indirizzata ai vertici dell’amministrazione penitenziaria e alla direzione della casa circondariale di Trapani. «Un’altra azione, a distanza di due anni dall’incendio dell’autovettura di un assistente capo della polizia penitenziaria, che fa riflettere - dice Rosario Mario Di Prima, coordinatore regionale del Sinappe - nel territorio in cui la criminalità organizzata ha un peso assai rilevante. Non possono essere sottovalutati simili episodi sicuramente di matrice criminale che si sommano alle diverse azioni contro la polizia penitenziaria».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews