Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Stromboli, volontari a lavoro per il ritorno alla normalità
«L'eruzione ha stravolto il paesaggio». Si spala il biondo

Residenti e guide si sono rimboccati le maniche e hanno cominciato a spalare il materiale lavico eruttato dal vulcano, soprattutto nella frazione di Ginostra. «Anche i turisti sono tornati, basta guardare i ristoranti che sono sempre pieni»

Simona Arena

Stromboli prova a tornare alla normalità. Due giorni dopo le esplosioni che hanno causato anche la morte di un escursionista di Pace del Mela, residenti, guide, protezione civile e volontari si sono rimboccati le maniche e hanno cominciato a spalare il materiale lavico eruttato dal vulcano. Centimetri e centimetri di biondo, come viene chiamato il materiale che si è depositato sui tetti e sulle strade di Stromboli. Ma soprattutto nella frazione di Ginostra che è stata la più colpita, anche a causa degli incendi causati dai lapilli incandescenti caduti sulla macchia mediterranea nella parte alta della frazione del comune eoliano. 

«Fa impressione, l’eruzione ha stravolto il paesaggio - spiega Marco Tomasello, guida turistica che sta aiutando i residenti - stiamo facendo di tutto per aiutare gli isolani a tornare alle loro vite. C’è stata tanta paura ma adesso la gente che vive da sempre qui vuole solo tornare alla normalità». Nessuno durante l’eruzione ha lasciato la propria casa, al contrario si sono chiusi dentro, aspettando che Iddu, come gli eoliani chiamano lo Stromboli, si calmasse. A lasciare Ginostra sono stati solo alcuni turisti. «E anche loro adesso sono tornati, basta guardare i ristoranti che sono sempre pieni», prosegue Marco che insieme ad altri 15 tra guide turiste e volontari stanno di ripulire la zona dal materiale vulcanico, «anche perché, se dovesse piovere, si potrebbero intasare i tubi rendendo scivolose le strade. Inoltre - continua - ci sono i tetti più antichi che potrebbero risentirne perché bagnandosi questo materiale diventa ancora più pesante». 

La paura è comunque passata «Si stanno affrontando i disagi, ma chi da sempre vive a Stromboli è tornato alle proprie abitudini». Che si stia lentamente tornando alla normalità lo dimostra anche la macchina della protezione civile. «È stato chiuso il Centro operativo comunale e il Centro coordinamento soccorsi - spiega a Meridionews Grazia Rosa Cammaroto della protezione civile - Non siamo più in uno stato di allarme, ma l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia continua a monitorare l’attività del vulcano che continua la sua attività di assestamento. Sull’isola sono rimasti ancora i vigili del fuoco e il dipartimento regionale di protezione civile del gruppo Vis, l’associazione di volontariato che è stata preziosa in questi giorni».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.