Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, Alessandra Musarra uccisa per strangolamento
Esiti autopsia: due vertebre lesionate e unghiate sul volto

La 29enne di Santa Lucia sopra Contesse è stata uccisa lo scorso 8 marzo. In carcere da allora c'è il fidanzato 26enne Christian Ioppolo. Adesso arrivano i risultati dell'esame autoptico che confermano la dinamica del delitto

Simona Arena

Alessandra Musarra è stata strangolata. Con talmente tanta forza che le è stato fratturato l’osso della gola. Gli esiti dell’autopsia sul corpo della ventinovenne di Santa Lucia sopra Contesse hanno confermato la dinamica ricostruita dalla squadra mobile sul femminicidio avvenuto l’8 marzo scorso a Messina

Il medico legale Patrizia Napoli ha consegnato le risultanze dell’esame autoptico in procura. «È stata una morte asfittica», perché qualcuno l’ha strangolata oppure perché qualcuno l’ha strattonata e stretta talmente forte da lesionarle due vertebre cervicali. E secondo la procura a stringere le mani attorno al collo di Alessandra la notte tra il 7 e l’8 marzo scorso è stato il fidanzato, il 26enne Cristian Ioppolo che da quel giorno si trova in carcere con l’accusa di femminicidio. Oltre alla frattura dell’osso della gola, il medico legale ha riscontrato le tracce di unghiate sul volto della ragazza ed è inoltre emersa «la sublussazione di due vertebre cervicali alte» che potrebbero essere appunto la conferma di «una presa violenta con forte strattonamento».

La gip Tiziana Leanza lo scorso marzo ha confermato l’arresto di Ioppolo applicando la custodia cautelare in carcere. In quell’occasione il magistrato escluse l’aggravante della stabile convivenza. Ioppolo durante i vari interrogatori in questura, e poi anche davanti al giudice, affermò di non ricordare tutto quanto era accaduto quella notte, ma il magistrato ritenne che si trattasse di una strategia non credendo alla patologia mentale di cui ha detto di soffrire il ragazzo durante il primo interrogatorio. A supporto della tesi, il gip indicò il messaggio telefonico che Ioppolo inviò al padre di Alessandra simulando di essere la figlia che chiedeva aiuto perché c’era l’ex ragazzo. Un messaggio inviato da Ioppolo proprio per depistare le indagini e allontanare i sospetti sulla sua persona.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.