Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Femminicidio, il fidanzato ha provato a sviare le indagini
La violenza dopo che lei lo aveva bloccato su Whatsapp

Cristian Ioppolo ha confessato di avere ucciso Alessandra Musarra stanotte. L'avrebbe picchiata e strangolata, ma sarà l'autopsia a stabilire la causa della morte. Poi avrebbe agito con estrema lucidità tentando di indirizzare gli investigatori sull'ex di lei

Simona Arena

«Papà aiutami, il mio ex ragazzo si trova qui e mi impedisce di aprire la porta». È stato questo messaggio, arrivato sul cellulare del padre di Alessandra Musarra, a far scattare l'allarme. Ma quel testo sarebbe stato inviato da Cristian Ioppolo, dopo aver ucciso la sua fidanzata. Un sms inviato per depistare e che ha portato alla scoperta del cadavere della 30enne, pieno di lividi sul volto e sul corpo. Attorno pure delle macchie di sangue. La donna sarebbe stata strangolata dal fidanzato 26enne su cui si sono subito concentrate le indagini della squadra mobile di Messina. Il ragazzo ha prima cercato di negare quanto successo, provando a indirizzare gli investigatori sull'ex fidanzato, ma dopo un estenuante interrogatorio è crollato e ha ammesso quanto ha fatto. 

A chiamare la polizia sono stati gli operatori del 118, intorno alle otto e mezza del mattino. Il cadavere della giovane donna viene trovato nella sua abitazione in contrada Campolino, zona Santa Lucia Sopra Contesse. È vicino al letto, addosso non ci sono segni di ferite da arma da fuoco o da taglio. Oltre alle probabili percosse, la donna potrebbe essere stata strangolata. A determinarlo con precisione sarà l'autopsia che è stata affidata alla dottoressa Elvira Napoli. 

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, i due stavano insieme dallo scorso aprile e convivevano più o meno stabilmente in quella casa dal mese successivo. Ultimamente però avrebbero litigato spesso e ieri, dopo l'ennesima discussione, Alessandra avrebbe bloccato il suo fidanzato su Whatsapp. La lite sarebbe degenerata in una feroce violenza, ma il 26enne avrebbe poi agito con lucidità: prima prendendo il cellulare della ragazza ormai e morta e inviando, intorno alle due della notte, il messaggio al padre di lei che lo ha letto solo stamattina, immaginando già di depistare le indagini; poi tornando a casa e cambiandosi i vestiti. Infine avrebbe fatto trovare alla polizia solo alcune parti del telefono. Gli investigatori ci hanno messo poco a capire che l'ex ragazzo, con cui Alessandra si era lasciata ormai sei anni fa, non c'entrava niente. E che l'orribile realtà stava invece da tutt'altra parte. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×