Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, dipendenti costretti a restituire metà stipendio
Sei a processo dopo le denunce. «Basta tacere e soffrire»

A settembre inizierà il processo che vede alla sbarra i titolari dell'azienda che gestisce un distributore di benzina e un bar in un paese a sud di Siracusa. «So che il mio caso non è isolato, bisogna denunciare», racconta una delle lavoratrici vessate

Salvo Catalano

«So che il mio non è un caso isolato, che il mercato del lavoro in Sicilia a volte funziona così, ma bisogna denunciare, non tacere e restare a soffrire». Barbara è una dei tre dipendenti che quattro anni fa si sono rivolti ai carabinieri del nucleo ispettorato del Lavoro di Siracusa per denunciare il trattamento subito dal titolare di un distributore di benzina della Esso in un paese nel sud della provincia. Costretti a lavorare otto o più ore al giorno per 500-600 euro, a fronte però di una busta paga di 1200. Sulla carta infatti era tutto regolare: contratti full time a tempo indeterminato, ma i titolari avrebbero imposto ai lavoratori di scambiare gli assegni in banca e di restituire metà dello stipendio. 

Dalle loro denunce è partita un'indagine che ha portato al sequestro della società, durato oltre un anno, e a settembre inizierà il processo. Sei persone, infatti, sono state rinviate a giudizio con l'accusa di estorsione: si tratta dei soci che all'epoca gestivano il distributore di benzina e il bar al suo interno. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, i dipendenti sarebbero stati minacciati di licenziamento, anche di fronte alla richiesta di qualche giorno di malattia. E avrebbero lavorato in un clima «vessatorio». «Non potevo sedermi neanche in caso di assenza di clienti e dovevo chiedere la chiave per andare in bagno», racconta Barbara che precisa di avere accettato all'inizio le condizioni proposte perché «volevo rendermi indipendente dai miei genitori, avevo 24 anni». 

Dopo oltre un anno in amministrazione giudiziaria, la società è stata restituita ai proprietari. Ma a gestirla è rimasto solo uno dei soci. «Sono stato infilato in questa storia come un cretino, sono stato fregato dai miei ex soci - dice, raggiunto da MeridioNews - mi sono trovato con un grosso debito. Io non sapevo quello che stava succedendo. Per quattro anni, quando gestivo io direttamente tutto, i dipendenti non si sono mai lamentati. Guardi, non ci dormo la notte, noi siamo persone perbene». 

Insieme a lui adesso al distributore di benzina ci sono solo la moglie e un dipendente, l'unico a non aver denunciato lo sfruttamento, anche di fronte alle verifiche dei carabinieri di Siracusa. I militari, infatti, a seguito di lunghi appostamenti, avrebbero accertato che anche lui svolgeva turni di lavoro massacranti, fino a 12 ore. «Ha sempre dichiarato di averlo fatto per volontariato, per spirito di abnegazione», spiegano gli investigatori che hanno interrogato l'uomo. Eppure in un audio agli atti del procedimento, registrato di nascosto da un'altra dipendente, pure lui ammetteva: «Mica faccio cinque ore, sempre 15 ne ho fatte». L'illecita prassi della restituzione dello stipendio è aumentata da quando è stato introdotto l'obbligo della tracciabilità per i pagamenti superiori a mille euro.

Il 24 settembre si terrà la prima udienza del processo davanti al Tribunale di Siracusa che vede alla sbarra sei imputati, tutti incensurati: S.F., 56 anni; C.M.G., 29 anni; C.P., 54 anni; C.C., 52 anni; C.M.C., 51 anni; e C.V., 27 anni. Il danno economico per i dipendenti sfruttati sfiora i 200mila euro: non solo infatti non hanno ricevuto lo stipendio per intero, ma hanno dovuto pagare tasse su un reddito soltanto dichiarato e mai realmente ricevuto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.