Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Intorno alla Piramide si riaccende la Fiumara di Presti
«Ma sposterò il Rito della Luce fra l'Etna e l'Alcantara»

Il tramonto sul Tirreno illumina opere ed esibizioni degli oltre 300 artisti radunati al monumento di Staccioli. Il mecenate di Tusa riparte dai luoghi di sempre proiettandosi però su nuove sfide. L'appuntamento del solstizio d'estate si trasferirà in Sicilia orientale

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Una questione di comodità. Certe volte le cose sono più semplici di quanto sembrino: così a chi chiede ad Antonio Presti perché, in occasione del Rito della luce 2019 a Motta d'Affermo, sulla costa tirrenica, lui fosse l'unico vestito di arancione in mezzo a migliaia di persone in abito bianco - unica prescrizione da rispettare per esserci - il mecenate risponde ridendo: «Ero troppo stanco per cambiarmi le scarpe, queste sono fantastiche», dice, mostrando un paio di Crocs perfettamente intonate a pantaloni e camicia. Dopo un anno di pausa la manifestazione alla Piramide del 38esimo parallelo, opera emblematica della Fiumara d'Arte realizzata dal mecenate nella valle dell'Halaesa, riprende in grande stile. E guarda già al futuro: «Vorrei spostare il Rito sull'Etna, qui abbiamo già dato», ribadisce Presti al termine della giornata, seduto sul lungomare di Castel di Tusa, di fronte al suo albergo atelier pieno zeppo di installazioni.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×