Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Intorno alla Piramide si riaccende la Fiumara di Presti
«Ma sposterò il Rito della Luce fra l'Etna e l'Alcantara»

Il tramonto sul Tirreno illumina opere ed esibizioni degli oltre 300 artisti radunati al monumento di Staccioli. Il mecenate di Tusa riparte dai luoghi di sempre proiettandosi però su nuove sfide. L'appuntamento del solstizio d'estate si trasferirà in Sicilia orientale

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Una questione di comodità. Certe volte le cose sono più semplici di quanto sembrino: così a chi chiede ad Antonio Presti perché, in occasione del Rito della luce 2019 a Motta d'Affermo, sulla costa tirrenica, lui fosse l'unico vestito di arancione in mezzo a migliaia di persone in abito bianco - unica prescrizione da rispettare per esserci - il mecenate risponde ridendo: «Ero troppo stanco per cambiarmi le scarpe, queste sono fantastiche», dice, mostrando un paio di Crocs perfettamente intonate a pantaloni e camicia. Dopo un anno di pausa la manifestazione alla Piramide del 38esimo parallelo, opera emblematica della Fiumara d'Arte realizzata dal mecenate nella valle dell'Halaesa, riprende in grande stile. E guarda già al futuro: «Vorrei spostare il Rito sull'Etna, qui abbiamo già dato», ribadisce Presti al termine della giornata, seduto sul lungomare di Castel di Tusa, di fronte al suo albergo atelier pieno zeppo di installazioni.

In occasione del solstizio d'estate, ogni anno, la piramide viene aperta al pubblico. Un breve percorso in un claustrofobico e buio tunnel sotterraneo porta fino all'interno dell'opera dello scultore Mauro Staccioli, morto a Milano il primo giorno del 2018. Un lutto che Presti ha voluto mantenere saltando per un anno le celebrazioni. Nel 2019, invece, è stato il momento di ricominciare. Il nucleo concettuale dei tre giorni, promossi dalla Fondazione Fiumara d'Arte, diventa allora l'eresia. «Apriamoci alla ricerca del vero, del bene, del giusto senza timore di essere eretici».

Le navette del consorzio dei Comuni della vallata fanno avanti e indietro sulle ripide trazzere dei monti affacciati sul Tirreno. La via diretta per raggiungere la Piramide è chiusa al traffico per permettere ai piccoli bus turistici di trovare la strada sgombra; l'ingresso all'opera d'arte è regolato da un imponente servizio d'ordine che impedisce, anche a chi ci mette tutte le intenzioni, di creare una calca insostenibile all'interno del tunnel. Sulla collina a creare l'atmosfera ci pensano la luce del tramonto e voci, abiti e movimenti degli artisti. Oltre 300, chiamati da Presti in un angolo di Sicilia che se non fosse per la sua Fiumara forse molti non conoscerebbero. 

«Ma ora bisogna cambiare», spiega lui. L'obiettivo è aprire la fondazione al contributo della Regione, secondo modi e metodi da concordare con il presidente Nello Musumeci. E poi c'è da spostare tutto: se il rito della luce deve essere itinerante, allora bisogna che il primo dei luoghi nuovi sia l'Etna, assieme al vicino parco dell'Alcantara. Nel bosco di betulle dei monti Sartorius, sul vulcano, Presti ha già organizzato due anni fa il G37 della poesia. Un summit di artisti e poeti che ha avuto luogo negli stessi giorni del G7 di Taormina, diventando la risposta «eretica» alla «dilagante logica dell'avere» incarnata dai grandi della Terra. Stavolta, però, sembra che l'interesse si sia spostato sulla zona di Randazzo. La risposta arrivata dalla comunità etnea pare abbia convinto il mecenate di Tusa. La politica delle bellezza di Presti, dice lui stesso da anni, ha un senso solo se coinvolge il numero più ampio possibile di abitanti di un territorio, diventando di fatto una loro espressione. 

Se la montagna chiama, lo stesso però fa anche il quartiere. Antonio Presti non vuole neppure interrompere il suo impegno a Catania, nel rione satellite di Librino. Da poco è stata inaugurato il grande Cantico fotografico che ha cambiato il volto di un cavalcavia del quartiere, ma il fondatore della Fiumara sta già pensando ai progetti futuri. Come una nuova porta da abbellire dopo la Porta della Bellezza, parole illuminate sui tetti dei palazzoni popolari ed esibizioni musicali, a partire dalla lirica, nei bar del quartiere

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.