Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, proiettile inviato al procuratore Patronaggio
«Se continui a far sbarcare immigrati passiamo ai fatti»

Il procuratore già a metà dello scorso settembre aveva ricevuto una lettera con minacce di morte e un proiettile da guerra. In quella missiva si faceva riferimento al caso Diciotti. Anche stavolta il tema è quello dell'immigrazione. Salvini esprime solidarietà

Redazione

Un proiettile con minacce di morte per il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, e per i suoi tre figli sono arrivate in Procura ad Agrigento. «Questo è un avvertimento - il testo scritto sulla busta - la prossima volta, se continuerai a fare sbarcare gli immigrati, passiamo ai fatti».

Sulla scrivania del procuratore capo è arrivata una busta regolarmente affrancata, all'interno della quale vi era il proiettile calibro 6,35. Le indagini saranno coordinate dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta. 

Luigi Patronaggio, 60 anni, procuratore capo di Agrigento dall'ottobre del 2016, già a metà dello scorso settembre - sempre al quinto piano di via Mazzini: sede della Procura - aveva ricevuto una lettera con minacce di morte e un proiettile da guerra. In quella missiva si faceva riferimento al caso Diciotti e all'inchiesta - partita proprio da Agrigento - sul ministro dell'Interno Matteo Salvini, iscritto a fine agosto nel registro degli indagati per sequestro di persona, arresto illegale e abuso d'ufficio. 

Anche per la precedente intimidazione, fu la Procura di Caltanissetta, competente per territorio, ad aprire un fascicolo d'inchiesta e delle indagini si occuparono carabinieri e polizia. Di quella lettera si disse che potesse provenire da ambienti paramilitari, ma non sono mai arrivate conferme in tal senso.

«Ferma condanna contro questi gesti vigliacchi, si tratta di persone che fomentano un clima di tensione che non e' utile a nessuno», ha detto il prefetto di Agrigento, Dario Caputo, che ha convocato un comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica in serata. «Sono sicuro che la magistratura siciliana, e il procuratore di Agrigento in particolar modo, non si lasceranno intimorire da minacce di questo tipo - ha aggiunto - Avendo come obiettivo l'applicazione della legge, continuerà ad operare a questo scopo. Massima attenzione da parte della Prefettura e delle forze dell'ordine sia sulla gravità del gesto che sui meccanismi predisposti per la tutela dei magistrati, affinché - ha evidenziato Caputo - siano sempre efficienti e laddove possibile, se sarà necessario, rafforzati».

Solidarietà da diversi settori della politica e delle istituzioni, a cominciare dal ministro Matteo Salvini. «La violenza e le minacce sono sempre inaccettabili. Le Forze dell'Ordine sono al lavoro per individuare i responsabili», dice il numero uno del Viminale. «Il tentativo di intimidazione al procuratore Patronaggio - commenta Claudio Fava, presidente della commissione regionale antimafia - certifica la qualità e l'efficacia del lavoro che sta svolgendo la Procura di Agrigento sulla questione migranti e sbarchi. Al procuratore, che ascolteremo nei prossimi giorni in Commissione antimafia, va tutta la nostra solidarietà e la nostra attenzione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×