Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, arrestati gli imprenditori della plastica Donzelli
Bancarotta e autoriciclaggio, sequestrata la Iblea plast

Tre le misure cautelari: oltre a Raffaele Donzelli e il padre Giovanni (in passato già condannato per mafia), ai domiciliari una loro dipendente. Secondo gli investigatori avrebbero causato il dissesto della loro prima azienda piena di debiti. Guarda il video

Salvo Catalano

Sotto la lente d'ingrandimento di magistrati e forze dell'ordine finiscono ancora una volta le aziende di Raffaele e Giovanni Donzelli, figlio e padre, titolari di società impiegate a Vittoria nello smaltimento della plastica. Sono accusati, insieme a una loro dipendente, Claudia Fois, di bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio

Raffaele Donzelli, 46 anni, è finito in carcere su ordine del Gip del Tribunale di Gela, che ha accolto la richiesta della locale Procura. Domiciliari per il padre Giovanni, 71enne, e per Fois, 40 anni. A condurre le indagini è stata la sezione di polizia giudiziaria della Guardia di finanza insieme alle Fiamme gialle di Gela. Contestualmente è stato eseguito anche il sequestro preventivo della società Iblea plast srl, operante a Vittoria, posta in amministrazione giudiziaria.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, i tre arrestati avrebbero messo in atto un disegno criminoso finalizzato a causare il dissesto finanziario della loro prima società, la S.i.d.i.s. srl con sede a Niscemi che è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Gela nel febbraio 2017. Ma i Donzelli avrebbero distratto i beni e l’intero complesso aziendale, attraverso un continuo passaggio a nuove società – anch’esse poi risultate insolventi e indebitate - con l’intento di continuare l’attività lavorativa e lasciare i creditori, tra i quali lo Stato, senza alcuna possibilità di rivalsa. Il piano criminale sarebbe stato attuato partendo dalla società dichiarata fallita e avrebbe coinvolto altre undici società satellite, tutte con vita breve e rappresentate da teste di legno, «con una sola finalità - precisano dalla Finanza - aggirare l’Erario e i creditori».

La S.i.d.i.s. srl operava nel settore del recupero e trasformazione di materiali plastici in prodotti fioccati, e già nei primi anni di vita avrebbe iniziato ad accumulare ingenti debiti nei confronti dell’Erario e dei creditori, complessivamente undici milioni di euro. Il principale ramo aziendale sarebbe poi passato di società in società, garantendo sempre la titolarità dei macchinari e delle attrezzature per la lavorazione della plastica e dell'autorizzazione unica ambientale, indispensabile per potere continuare a operare nel campo del recupero e riciclo di rifiuti speciali non pericolosi, in questo caso i derivati della plastica. Questi continui rimbalzi di cessioni si sono conclusi con l’ultima costituzione della società vittoriese oggetto di sequestro, la Iblea plast srl. Tra i beni distratti c'è anche un’autovettura di lusso, una Ferrari F430 Spider del valore di 50mila euro, venduta all’estero.

Quello di oggi è solo l'ultimo dei guai giudiziari che hanno colpito nel recente passato Giovanni e Raffaele Donzelli. Il primo ha sulle spalle una condanna per associazione mafiosa a seguito dell'operazione Piazza pulita. Il figlio Raffaele nel 2017 aveva subito un sequestro da 1,3 milioni di euro. Un anno prima la Finanza aveva contestato una serie di reati ambientali per la gestione dell'impianto della società S.i.d.i.s. srl.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×