Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ex Province, De Luca in sciopero della fame e attacca
«Musumeci risolva i problemi e Armao vada a casa»

Si è barricato nella sede della città metropolitana per protestare contro l'accordo tra governo regionale e nazionale. Un patto che, secondo il sindaco di Messina, non eviterà il dissesto delle ex province siciliane. Primo bersaglio l'assessore all'Economia

Simona Arena

Si è barricato dentro palazzo dei Leoni, sede della città metropolitana di Messina, e ha cominciato lo sciopero della fame. Nuova eclatante protesta del sindaco metropolitano Cateno de Luca che ha deciso di protestare contro l'insufficienza delle somme stanziate per le ex Province siciliane. I 140 milioni di euro per il 2019 - fissati dall'accordo tra Stato e Regione - sono giudicati insufficienti dal primo cittadino per salvare i nove enti di area vasta dell'isola. 

In queste ore in commissione Bilancio della Camera dei Deputati si sta discutendo un emendamento che prevede l’assegnazione di 140 milioni di euro per l’anno 2019 sulla base dell’accordo raggiunto tra Stato e Regione lo scorso 15 maggio attraverso l’utilizzo del Fondo di sviluppo e coesione. In sostanza si evita il default attingendo ai fondi per gli investimenti. Risorse giudicate insufficienti, secondo De Luca servono 350 milioni di euro. Ecco perché con un atto di protesta De Luca ha deciso di chiudere la sede istituzionale, barricarsi al suo interno e cominciare lo sciopero della fame ad oltranza, nell’attesa di risposte. Per poi annunciare: «Non mi resta che avviare la dichiarazione di dissesto. Ed è un meccanismo irreversibile: se la città metropolitana di Messina non andrà avanti, nessun altro andrà avanti nessuno. Scriveremo alla Corte dei Conti per chiedere di verificare come si sta lavorando nelle altre città metropolitane».

Così, bersaglio numero uno diventa l'assessore all'Economia Gaetano Armao. «Deve andare a casa», attacca il sindaco. Armao ha condotto le trattative col governo nazionale e ha chiuso l'accordo che adesso è in discussione alla Camera: 140 milioni verrebbero prelevati del Fondo di coesione e sviluppo e di questi, ricorda De Luca, «solo 100 sono destinati alle ex province, i restanti vanno alla regione. Altri 10 milioni verranno prelevati dai fondi previsti per interventi strutturali che non saranno destinati alle ex province, ma sempre alla Regione». Contro Armao la questione è anche politica. Nei giorni scorsi era stato il presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè (che sempre più rinsalda l'asse con De Luca) a definirlo «un ex assessore». Ma De Luca ne ha anche per Bernadette Grasso, assessora regionale alle Autonomie locali: «Se è vero che sei stata messa da parte dall’assessore Armao, ora devi prendere una posizione».

Sulle ex province si incrocia anche l'aspetto delle elezioni dei consigli e dei presidenti dei liberi consorzi. L'Ars ha deciso di far slittare il voto, approvando una proposta formulata dal Gruppo Misto, dall’Udc, da Fratelli d’Italia, dai Popolari e Autonomisti e da Sicilia Futura e che rientrava tra gli accordi previsti dall’ormai famoso patto della Madonnina siglato da De Luca con Miccichè. La decisione dell'Ars ha scatenato la rabbia del presidente Nello Musumeci che oggi presenterà un emendamento per fare marcia indietro e stabilire una data per le elezioni.

«Musumeci - è l'affondo di De Luca stamattina - non inneschi un cortocircuito istituzionale che non ha precedenti nella storia della democrazia siciliana e si concentri per risolvere il problema finanziario. Solo dopo sarà legittimo chiedere al Parlamento siciliano di modificare la decisione assunta e magari garantire lo svolgimento delle elezioni ad ottobre 2019. Senza il rinvio fisiologico - conclude - si deciderà di celebrare il funerale delle ex Province».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×