Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Piazza Armerina, rissa alla Villa romana del Casale
Botte per posizione stand, commercianti arrestati

La polizia ha posto ai domiciliari Benito Lo Presti, di 64 anni, il figlio Francesco, di 26, e il nipote Francesco, anch'egli di 26. I fatti risalgono ad aprile scorso nella zona antistante il sito archeologico

Redazione

Tre commercianti di souvenir sono stati arrestati dalla polizia perché ritenuti responsabili, a vario titolo, di una violenta rissa con feriti che ha avuto luogo nell'aprile scorso all'ingresso della Villa romana del Casale di Piazza Armerina (Enna) e nella quale furono coinvolte altre due persone, che sono state denunciate. 

Gli arrestati sono Benito Lo Presti, di 64 anni, il figlio Francesco, di 26, e il nipote Francesco, anch'egli di 26, e sono stati tutti posti ai domiciliari. Motivo scatenante sarebbe stata la collocazione di alcuni stand. Tre dei partecipanti alla rissa riportarono ferite giudicate guaribili in un periodo compreso tra i 5 e gli 8 giorni. L'operazione e' stata denominata Piccolo Circo. Gli agenti hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip Vittorio La Placa su richiesta della Procura della Repubblica di Enna.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews