Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il futuro della sinistra, Bartolo, la sfida per la Regione
Fava: «Serve un fronte ampio, anche insieme al Pd»

L'elezione del medico di Lampedusa può aprire un discorso più ampio. Ne è convinto il deputato di Centopassi che vuole andare oltre un diritto di tribuna. «Le singole culture politiche non possono tenersi il vestito stretto, cambiando nome a ogni elezione ma rimanendo sempre le stesse»

Salvo Catalano

Nel centrosinistra siciliano il successo di Pietro Bartolo potrebbe rappresentare molto più di una semplice elezione al Parlamento europeo. L'ampia convergenza sul medico di Lampedusa da parte di settori diversi della società civile e della politica, dai cattolici a una parte della sinistra, nonché la sua presenza all'interno della lista del Partito democratico, potrebbero essere i primi semi da far crescere per un progetto di ampio respiro che guarda fino alle prossime elezioni regionali. E su questo orizzonte si muove il presidente della commissione antimafia regionale Claudio Fava.

Fava, prima di passare all'analisi del voto, cominciamo dal lavoro della commissione. Oggi sono riprese le audizioni su una delle indagini più attese, quella sull'agguato all'ex presidente del parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci. Chi verrà sentito?
«Ascolteremo i poliziotti testimoni di quanto accadde e quelli protagonisti in ambito giudiziario, ma anche i giornalisti che si sono occupati del caso. Serve certezza e chiarezza, perché molte domande sono rimaste senza risposta». 

Da quanto vi risulta, la magistratura ha aperto nuove indagini sulla vicenda Antoci?
«Non ci risulta che ci sia una nuova indagine su quegli eventi, altrimenti sarebbe a Messina. Invece c'è a Patti un'indagine aperta, con un supplemento di valutazione, sulla morte di Tiziano Granata, il poliziotto che quella notte faceva l'autista al commissario Manganaro (Granata sarebbe morto per una leucemia fulminante, ndr)».

Torniamo alle Europee, secondo lei Bartolo potrà avere un ruolo politico all'interno del Pd?
«Non credo che debba, né voglia avere un ruolo politico nel Pd. Farà bene il parlamentare, portando in Europa i suoi temi, a cominciare da quello dei diritti. Ma soprattutto penso al significato di questo voto: in Sicilia, nella frontiera dove Salvini pensava di costruire la contrapposizione sui temi dell'immigrazione, c'è l'affermazione di un candidato che meglio di altri rappresenta valori opposti. Questo significa che su certi temi è possibile costruire del consenso, perché c'è un voto di opinione forte. Bartolo non ha alle spalle un apparato, ha invece conquistato un voto trasversale».

Bartolo non ha un apparato, ma in tanti stanno provando a mettere il cappello su questa elezione.
«Non si mettono cappelli sui voti d'opinione. Il cappello lo puoi mettere quando sei tu che porti voti a qualcuno, qui è Bartolo ad averli portati». 

Già, un consenso trasversale che la sinistra da tempo non riusciva a intercettare.
«La sua elezione ci insegna che aprirsi, costruire un campo largo in cui si riconoscano tutte le forze democratiche e progressiste senza chiudersi in recinti, paga». 

Lei ha più volte ribadito che è sterile avere solo diritto di tribuna e che invece l'ambizione di questo fronte deve essere governare la Sicilia. È pensabile farlo senza il Partito democratico?
«No, è chiaro. Ma si deve costruire un progetto ampio, un insieme di esperienze civili, sociali, di militanza. Non si può pensare di sommare la vecchia grammatica politica. Il fronte da mettere in rete non è Pd più un soggetto ypsilon, più un soggetto zeta. Ci devono essere anche le organizzazioni politiche, ma non solo quelle. Io ho sostenuto Bartolo, ma non sono elettore del Pd né voglio iscrivermi al Pd. Però le singole culture politiche non possono tenersi il vestito stretto, cambiando nome a ogni elezione ma rimanendo sempre le stesse. Questo è narcisismo».

Come valuta il radicamento sul territorio del movimento Centopassi dopo le regionali?
«Centopassi esiste nel lavoro che facciamo dentro e fuori le istituzioni, lo spirito di quest'esperienza s'incarna ogni giorno in ciò che realizziamo. Se qualcuno è convinto che l'unico modo di fare politica sono le tessere di partito è indietro di un secolo. Serve un movimento fluido capace di intercettare le battaglie reali».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×