Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Di Maio a Castelvetrano, nessun riferimento alla mafia
«Regione perde 70 milioni per non tagliarne 7 di vitalizi»

Il vicepremier lancia la volata del candidato Enzo Alfano. Nel comizio di ieri sera tocca gli argomenti Siri, vitalizi, salario minimo e torna ad attaccare Miccichè: «Chieda il reddito». Corrao: «Bisogna parlare di Castelvetrano per l'olio d'oliva». Guarda le foto

Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Il vicepremier Luigi Di Maio a Castelvetrano a sostegno del candidato del Movimento 5 stelle Enzo Alfano che domenica, al ballottaggio, se la vedrà con Calogero Martire. Ad accoglierlo una piazza gremita. E lui affonda subito sul problema della corruzione (anche e soprattutto su quella percepita) e rivendica l’intervento sulle dimissioni del sottosegretario Armando Siri, perché anche se «dispiace litigare davanti agli italiani, se viene fuori che un sottosegretario ha provato attraverso una legge a favorire un prenditore contro tutti gli altri imprenditori, per me già quello basta per fargli fare un passo indietro».

Sarà il primo, ma anche unico, attacco agli alleati di governo perché per il Movimento 5 Stelle i partiti politici da contrastare sono il Partito Democratico, «la cui unica proposta di legge è stata quella dell’aumento degli stipendi dei parlamentari» e Forza Italia, «la cui idea è quella di far Berlusconi ministro della Giustizia». Nessun riferimento a Cosa Nostra nel paese di Matteo Messina Denaro, perché - è la tesi di ieri dei Cinque stelle - Castelvetrano deve essere menzionata per altro. Nel giorno del ricordo di Peppino Impastato ci pensa l’europarlamentare pentastellato Ignazio Corrao a dire che «la montagna è una montagna di merda», ma che bisogna iniziare a far parlare di Castelvetrano sui media per altro, «per il buonissimo olio extravergine d’oliva, ad esempio».

Il Ministro del Lavoro ha poi proseguito sempre con i temi economici quali la proposta di legge sul salario minimo orario che, nonostante l’invito rivolto al nuovo segretario Pd Zingaretti, «nel giro di due settimane, è stata smantellata» da chi ha approvato il Jobs Act. Di Maio ha rivendicato la legge sul Reddito di Cittadinanza e la proposta di taglio dei vitalizi - «Con la legge che abbiamo fatto la Regione siciliana rischia di perdere 70 milioni di euro per non tagliare 7 milioni di vitalizi agli ex parlamentari» - che ha trovato tante resistenze, tra cui quelle del presidente Gianfranco Miccichè. Su cui Di Maio rilancia una battuta già sentita nei giorni scorsi: «Vada alle poste a domandare il Reddito di Cittadinanza, se in possesso dei requisiti». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×