Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta, Di Maio porta in piazza cavalli di battaglia
«Miccichè tagli vitalizi e chieda reddito di cittadinanza»

Il leader del Movimento 5 stelle parla in piazza per sostenere la candidatura a sindaco di Roberto Gambino. Durante il comizio non sono mancati gli attacchi agli altri partiti. Compresa la Lega colpevole di non avere ancora fatto dimettere il sottosegretario Armando Siri

Redazione

Lotta ai vitalizi, attacchi bipartisan e stoccata alla casta. Anche quella della sanità. Luigi Di Maio torna a indossare i panni da leader di un partito che ha nella piazza l'unico alleato. Da Caltanissetta, dove i cinquestelle puntano all'elezione a sindaco di Roberto Gambino, il vicepremier non lesina attacchi agli avversari politici e sfodera i cavalli di battaglia del Movimento 5 stelle. «Quando un governo regionale come questo arriva a non recepire la legge anticorruzione o a perdere 70 milioni per non tagliare i vitalizi allora penso si sia superato qualsiasi limite - dice dal palco -. Questi non sono di centrodestra, questi pensano solo ai cazzi loro. Evitate di eleggere questa destra, gente che ha venduto qualsiasi ideale per la poltrona in cui sono seduti».

Di Maio poi mira al presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè, da sempre contrario ai tagli. «C'è un unico regista dietro questo centrodestra in Sicilia ed è lui - continua il capo dei pentastellati -. Dice che se tagliamo i vitalizi poi non ha i soldi per vivere. Io voglio dire una cosa a Miccichè: se vai alle poste puoi domandare il reddito di cittadinanza, ma non far perdere alla regione 70 milioni di euro». Il ministro dello Sviluppo economico cita poi il presidente della Regione: «Ho sempre detto che dietro Musumeci c'è Miccichè. Questi hanno riportato la Sicilia indietro nel tempo».

Parole anche per i coinquilini di governo, da qualche giorno al centro delle attenzioni per il caso Siri, il sottosegretario indagato nell'inchiesta su Vito Nicastri, imprenditore considerato vicino a Cosa nostra. «Da noi si sbaglia, si può sbagliare anche nel M5s, ma quando qualcuno sbaglia da noi lo mettiamo subito alla porta - sottolinea -. In dieci anni abbiamo avuto un caso di corruzione e lo abbiamo subito allontanato e io pretendo la stessa cosa dalle altre forze politiche, specialmente se stanno al governo con noi. Se c'è una persona indagata per fatti che sfiorano la mafia e la corruzione allora va in panchina, perché con mafia e corruzione non si scherza».

Passaggio anche sulla sanità, con la promessa di slegarla dal controllo politico. «Io ve lo prometto: entro questa estate faremo una legge che non consentirà più di far nominare i direttori generali delle aziende sanitarie dalla politica. La sanità è diventata un bancomat della politica».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews