Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Taormina, il negozio dove si paga per provare un abito
«Richiesta scorretta, siamo andati via senza comprare»

Dieci euro per indossare un pantalone. «È controproducente per la città», dice a MeridioNews Eddy Tronchet, protagonista dell'episodio con la sua compagna. Per il presidente dell'associazione commercianti c'è un problema di registrazione del guadagno

Marta Silvestre

Dieci euro per provare un capo di abbigliamento. È questa l'insolita richiesta che si è sentita rivolgere una coppia entrata in un negozio di vestiti in corso Umberto a Taormina. Soldi che poi sarebbero stati scontati dal prezzo finale, solo se il capo fosse stato acquistato. È accaduto ieri pomeriggio nella Boutique Roberto Pristipino. «Io e la mia compagna siamo entrati in questo negozio del centro - racconta a MeridioNews Eddy Tronchet, 60enne titolare di un'agenzia di viaggi in città, con un'esperienza da candidato sindaco in quota M5s - per chiedere di provare un pantalone a vita alta che lei aveva visto esposto in vetrina qualche giorno prima. Mentre parlavamo con la commessa, il signore seduto alla cassa l'ha chiamata e, dopo una breve conversazione tra loro, la ragazza è tornata con questa richiesta che ci ha lasciati senza parole». 

Di fronte alla inusuale richiesta di dovere pagare per provare il pantalone, Tronchet e la compagna - l'avvocata Suzana De Pennafort - hanno deciso di uscire dal negozio senza acquistare. «Non ci era mai successo, mi sono limitato solo ad avvicinarmi a lui per dirgli che mi sembrava un'azione scorrettissima», precisa Tronchet che sottolinea come non avesse mai avuto in passato nessun tipo di contatto con colui che poi ha scoperto essere il titolare del negozio. «Escludo possa trattarsi di qualcosa di personale nei miei confronti», afferma aggiungendo che l'uomo alla cassa non ha tentato nemmeno di giustificarsi o di trattenerli dentro l'attività commerciale. «Credo sia un atteggiamento controproducente per la città, l'economia del territorio e che possa allontanare i cittadini e i turisti italiani e stranieri».

La prassi di dare un costo alla prova dei vestiti, tuttavia, è già diffusa in alcune attività del Nord Italia. Come nel caso di un commerciante di Sarzana (La Spezia) che aveva esposto un cartello in cui informava i clienti del metodo messo in pratica per disincentivare chi entra in negozio per provare scarpe o abiti firmati e poi ordina lo stesso prodotto online pagandolo di meno. «In questo caso però - fa notare Tronchet - non c'era nessun avviso perché, altrimenti, avremmo proprio evitato di entrare nonostante la mia compagna fosse intenzionata ad acquistare quel pantalone per regalarlo». 

Sorpreso del comportamento è anche il presidente dell'associazione commercianti di Taormina Antonino Scandurra. «Una situazione del genere non si era mai registrata, è una scelta relativa alla singola attività». Informato di quanto accaduto direttamente da Tronchet, Scandurra ha provato a chiedere spiegazioni al Roberto Prestipino: «Mi ha detto che è una politica che ha deciso di adottare, forse per brutte esperienze pregresse, solo la domenica che è il giorno di maggiore afflusso della clientela - spiega il presidente - Il punto però è che noi commercianti non forniamo servizi ma merce e, quindi, non saprei nemmeno come questo guadagno eventuale possa essere registrato a livello legale». Il punto è: se un cliente paga per provare un abito che non acquista, il rivenditore farà comunque uno scontrino o una ricevuta e dichiarerà, quindi, di avere avuto quell'introito? Abbiamo provato a contattare il signor Roberto Prestipino, titolare dell'attività commerciale in questione, ma senza successo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×