Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Aveva venduto i terreni a Fassa Bortolo per la cava
Sequestrati beni per un milione al mafioso Pecorino

La Gdf di Caltanissetta ha sequestrato terreni e disponibilità finanziarie al 78enne considerato appartenente a Cosa Nostra ennese. Un affare da 25 milioni di euro e da cento posti di lavoro è recentemente sfumato anche a causa della sua presenza tra i venditori. Guarda il video

Salvo Catalano

Un affare da 25 milioni con una promessa di cento posti di lavoro era saltato anche per causa sua. Adesso Giuseppe Pecorino, 78 anni, già condannato per associazione mafiosa, viene colpito da un sequestro di beni per un valore di 1 milione e 70mila euro. Al centro delle indagini della Guardia di Finanza di Caltanissetta, coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia, c'è la vendita di alcuni terreni in territorio di Agira, provincia di Enna, da parte di Pecorino alla società venetaFassa Bortolo, a cui i militari non contestano alcun reato. La multinazionale leader nel settore dei prodotti per l'edilizia avrebbe voluto aprire nel cuore della Sicilia una cava per l'estrazione di calcare, e realizzare nello stesso luogo uno stabilimento per la trasformazione del minerale in prodotti industriali.

Secondo le indagini delle fiamme gialle, per eludere i successivi controlli patrimoniali e gli eventuali sequestri, Pecorino avrebbe donato al figlio Biagio i terreni che poi avrebbero dovuto essere oggetto di compravendita con Fassa Bortolo. Terreni che poi sarebbero rientrati in suo possesso solo qualche giorno prima della stipula del contratto con la società. E ancora il 78enne avrebbe venduto altri terreni al figlio, stavolta con un contratto che attestava un pagamento di 450mila euro che, invece, non sarebbe mai stato incassato. «Un ulteriore elemento - sottolineano i finanzieri guidati dal maggiore Salvatore Seddio - che acclara ancora una volta come queste operazioni abbiano carattere fittizio, tese ad alienare solo dal punto di vista formale i beni di Pecorino e finalizzate a evitare i successivi sequestri patrimoniali che, a seguito della sua condanna per mafia, appaiono inevitabili».

Pecorino padre e figlio sono quindi indagati per intestazione fittizia di beni. Al più anziano viene contestata anche l'aggravante mafiosa. L'uomo infatti, viene ritenuto dagli investigatori ancora organico a Cosa Nostra ennese, in particolare al gruppo di Catenanuova. La sua storia criminale è lunga: nel 1995 viene raccomandato da Luigi Ilardo, cugino del boss Giuseppe Madonia, come possibile capo provinciale. Il suo spessore criminale viene meglio definito nel 2011 nell’ambito dell’operazione Fiumevecchio, da cui è emerso come figura di spicco della criminalità organizzata della provincia; dalle intercettazioni che portarono alla sentenza di condanna si evince anche il suo stretto e costante collegamento con la famiglia Santapaola di Catania.

Le indagini che hanno portato al sequestro sono nate da un'attività di monitoraggio sul settore delle cave che i finanzieri eseguono periodicamente, visto il rischio di infiltrazioni mafiose in un settore particolarmente sensibile. Ad attirare l'attenzione su Pecorino sono stati i vari passaggi di proprietà dei beni di contrada Santa Nicolella, peraltro non comunicati alla Guardia di finanza, prescrizione che invece è obbligatoria per i condannati per reati di criminalità organizzata. Oltre ai terreni, sono state sequestrate somme per 620mila euro. Si tratta del valore dei terreni venduti a Fassa Bortolo. «Essendo quelle aree oggi di proprietà della società veneta - spiega il maggiore Seddio che ha condotto le indagini - e non avendo elementi per sostenere che l'impresa sapesse con chi aveva trattato la vendita, non abbiamo sequestrato i terreni ma disponibilità finanziarie e altri beni per un valore equivalente».

La presenza di Giuseppe Pecorino tra i venditori è uno degli elementi principali che ha portato a far sfumare l'affare. Prima dell'intervento della Guardia di finanza, infatti, il distretto minerario di Caltanissetta aveva ritirato l'autorizzazione inizialmente concessa, sostenendo il venir meno del rispetto del Protocollo di integrità. Fassa Bortolo ha sempre sostenuto di non essere stata a conoscenza del profilo dell'acquirente, «altrimenti ci saremmo sicuramente fermati prima», hanno precisato dalla società che invece solleva perplessità sugli enti che avrebbero dovuto vigilare su questi aspetti. Il progetto aveva comunque ricevuto uno stop dalla Soprintendenza ai Beni culturali di Enna, perché la cava si trova all'interno dell'area di Monte Scalpello, sito di interesse storico-archeologico. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×