Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Biglietti aereo, un milione per studenti e lavoratori
Galvagno: «La nostra proposta non è una marchetta»

Nonostante le risorse per il fondo, la cui istituzione sarà discussa nell'ambito del testo collegato alla finanziaria, siano state dimezzate, il deputato di Fratelli d'Italia sottolinea l'importanza della proposta. «Aiuterebbe almeno cinquemila corregionali»

Simone Olivelli

«La somma è stata dimezzata a causa della scure che si è abbattuta sulle casse regionali, ma l'importanza di questo fondo resta immutata». Commenta così Gaetano Galvagno, deputato regionale di Fratelli d'Italia, la norma che fa parte del testo collegato alla finanziaria riguardante l'istituzione di un fondo da un milione di euro per sostenere chi compra biglietti aerei

La misura, che in sede di discussione di legge di bilancio era stata ipotizzata in due milioni, è rivolta a studenti universitari che sono residenti in Sicilia ma studiano fuori dall'Isola, a chi ha trovato lavoro fuori e ha un reddito al di sotto dei 30mila euro, e a chi, per questioni gravi di salute, deve rivolgersi a strutture che si trovano fuori dal territorio regionale. «Non è una proposta che mira ad accontentare una porzione particolare di popolazione e non ammicca a nessuno in particolare - dichiara Galvagno -. Le agevolazioni sono per tutti i siciliani, nella consapevolezza che la posizione geografica e le congiunture economiche portano tanti cittadini a lasciare l'isola». 

Galvagno, che ha firma l'ementamento insieme al collega di partito Antonio Catalfamo e al deputato del gruppo misto Danilo Lo Giudice, riporta l'attenzione sulla questione continuità territoriale. Argomento che proprio in queste settimane ha registrato un piccolo passo avanti in assessorato, dove si è svolta una riunione alla presenza dei responsabili dei rappresentanti delle società che gestiscono gli aeroporti di Comiso e Trapani, i due scali che dovrebbero beneficiare dei 46 milioni di euro di cui la Sicilia da anni disporrebbe. «Il fondo che proponiamo è certamente più esiguo - continua Galvagno - ma mira a ottenere un risultato sin da subito, nella speranza che da qui si possa fare di più».

Nel dettaglio la proposta dei tre deputati riguarda un contributo all'acquisto dei biglietti in concomitanza con le festività pasquali e natalizie. Periodi nei quali le compagnie, consapevoli dell'elevata domanda, fanno lievitare i prezzi dei voli. Il fondo, che sarebbe istituito per un triennio, andrebbe a integrare il costo sostenuto dal viaggiatore nella parte eccedente la soglia di 150 euro a tratta. Ogni beneficiario potrebbe ambire a ottenere un rimborso massimo di duecento euro. «Si tratta di una norma che concretamente può dare una mano a tantissimi siciliani - commenta Galvagno -. Conti alla mano agevolerebbe almeno cinquemila nostri corregionali. Se venisse approvata, spetterebbe poi agli uffici regionali regolamentare l'accesso alle risorse, perché è chiaro che non sarebbe giusto sostenere, per esempio, chi acquista un biglietto a ridosso della partenza».

L'istituzione del fondo era stata inserita all'interno di un maxi emendamento comprendente 44 punti. Al momento, tuttavia, in commissione bilancio si è deciso di stralciarlo e resta aperta l'ipotesi di una discussione che prenda in esame ogni singolo articolo. «Il lavoro così facendo senz'altro si allungherebbe, ma restiamo comunque fiduciosi - conclude Galvagno -. Questa norma crediamo possa incontrare il parere favorevole di tutte le forze. Perché a differenza di altri casi la nostra non è una marchetta, ma un aiuto per migliaia di siciliani».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×