Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Femminicidio a Messina, il dolore nel racconto del padre
«Cristian era sotto casa, non ho capito che era stato lui»

Luciano Musarra racconta la tragedia, a partire da quello strano messaggio arrivatogli dal cellulare della figlia nella notte. La mattina dopo, il ritrovamento del cadavere. Il magistrato: «Nessuno sapeva dei litigi, lei teneva tutto nascosto»

Simona Arena

Non smette di piangere. Il viso è stravolto dal dolore. «Non avrei mai potuto pensare che queste cose potessero capitare a me». A dirlo è Luciano Musarra, il padre di Alessandra, la 29enne uccisa dal suo fidanzato, Cristian Ioppolo, 26 anni. Che ieri mattina si è fatto trovare dal padre della sua compagna davanti casa. È stato lui a inviare al suocero un messaggio dal cellulare di Alessandra alle 2 della scorsa notte in cui chiedeva aiuto. Ma mentre scriveva l’aveva già uccisa, forse strangolandola. «Papà aiutami il mio ex ragazzo si trova qui e mi impedisce di aprire la porta». Il padre legge il testo appena sveglio. Lui abita a Santa Teresa di Riva, è separato dalla moglie che vive a Villafranca. 

Chiama il figlio Salvatore che abita nella stessa palazzina di Alessandra ma al piano di sotto. Gli chiede di controllare come sta sua sorella, ma Alessandra non apre. Nel frattempo si mette in auto. «Quando sono arrivato davanti casa ho trovato Cristian - spiega - non ho capito subito che era stato lui». Il 26enne prende una scala che tiene in auto, entra da una finestra nell'appartamento e apre la porta al padre. Alessandra è senza vita, supina con la testa rivolta a sinistra. Indossa ancora i vestiti da casa. È ai piedi di un letto in una cameretta. Tutto attorno macchie di sangue. 

La casa conferma che c’è stata una lite e i lividi attorno al collo di Alessandra lasciano intuire che sia stata strangolata. Sarà l’autopsia a dire se effettivamente è andata così. Luciano Musarra ripete come in una litania, come se volesse convincersi di quello che è successo: «Alessandra non apriva la porta e siamo entrati con la scala nel balcone. Non so come spiegare tanta violenza». 

La squadra mobile comincia ad ascoltare i parenti. «Nessuno sapeva dei continui litigi che Alessandra aveva con Cristian – spiega la procuratrice aggiunta Giovanella Scaminaci teneva tutto nascosto. Non abbiamo potuto aiutarla». Negli uffici della Questura in via Placida ieri arriva anche Cristian Ioppolo. Dopo un lungo faccia a faccia con gli agenti e con il sostituto Marco Accolla, capisce che il suo tentativo di depistare le indagini non ha funzionato. Si contraddice più volte e alla fine confessa di averla uccisa. 

«Non gelosia, ma solo l’ennesimo litigio – spiega Accolla – stavano insieme da aprile del 2018 ed erano andati a convivere un mese dopo. Ma la mancanza di un lavoro stabile e il poco denaro per le spese quotidiane spesso li portava a litigare». Il rapporto comincia a incrinarsi. Cristian torna a casa dalla madre per poi fare saltuariamente ritorno a casa di Alessandra. Ma ogni volta che litigano è sempre peggio. Fino a ieri, quando al culmine della lite lui la uccide. 

Secondo la ricostruzione della polizia di Stato, torna a casa, si cambia e mette i vestiti a lavare. Quindi torna nell’appartamento dove ha ucciso Alessandra e manda il messaggio al padre. Esce di casa lasciando la chiave nella toppa interna della porta che si tira dietro. Quella stessa porta che invano la mattina dopo proveranno ad aprire e che custodisce il corpo senza vita di Alessandra.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×