Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Puntorno, gli affari in Sicilia dell'ex capo ultrà della Juve
Cosa Nostra agrigentina puntava su di lui: «È uno grosso»

Andrea Puntorno, ex leader dei Bravi Ragazzi, è stato arrestato con l'accusa di concorso esterno e traffico di droga. Imparentato col presunto nuovo boss di Agrigento, avrebbe assicurato un canale di approvigionamento in Calabria tramite contatti con le 'ndrine

Salvo Catalano

«Lui è un soggetto grosso, che ha appoggi. Anche se è senza soldi, gli danno qualsiasi cosa». Dai sodali del gruppo agrigentino di Cosa Nostra Andrea Puntorno era visto così. Uno da «tenersi stretto» e su cui fare affidamento. Il primo a saperlo bene era Antonio Massimino, considerato dagli inquirenti il nuovo reggente della mafia tra Agrigento e Villaseta. Per far arrivare la droga in questa fetta di Sicilia occidentale, Massimino avrebbe puntato proprio su Puntorno che è riuscito ad aprire un canale di approvvigionamento con la Calabria, in particolare con soggetti della cosca Accorinti di Vibo Valentia. Puntorno con la 'ndrangheta ha già avuto a che fare a Torino, dove per anni ha ricoperto il ruolo di leader del gruppo ultras della Juventus Bravi Ragazzi, oggi non più presente in curva.

Bagarinaggio, facendo la cresta su pacchetti di biglietti, e narcotraffico: questi sarebbero stati gli affari principali nel capoluogo piemontese. «So che mio marito riusciva a guadagnare anche 30.000 euro nelle partite più importanti», ha fatto mettere a verbale la convivente di Puntorno, Patrizia Fiorillo, parlando con i magistrati torinesi che indagavano su un'estorsione ai suoi danni da parte di altri ultras legati alla malavita che pretendevano da lei soldi dopo l'arresto di Puntorno. Il curriculum giudiziario dell'ex leader dei Bravi Ragazzi è ricco: per il giudice delle indagini preliminari di Palermo che ne ha ordinato il nuovo arresto nell'ambito dell'operazione di oggi, «è un soggetto di elevatissima pericolosità sociale». Pluripregiudicato per reati in materia di droga per cui ha riportato quattro condanne definitive per un totale di 14 anni di carcere e destinatario di due provvedimenti di sorveglianza speciale emessi dal Tribunale di Agrigento e da quello di Torino. 

Tornato ad Agrigento, dove gestisce il bar Black and White insieme al fidato (e pure lui arrestato oggi) Bruno Di Maria, Puntorno riprende rapporti di affari con Antonio Massimino, secondo gli inquirenti il numero uno di una mafia che oggi il capo della Dia ha definito «rozza, cinica e aggressiva, come quella degli anni '80». I due d'altronde sono pure parenti. La sorella dell'ex ultrà ha infatti sposato il fratello di Massimino, tanto che il presunto boss più volte lo indica come «mio cugino Andrea». Puntorno, secondo gli inquirenti, garantisce quindi al clan l'arrivo della droga dalla Calabria (marijuana, hashish ma pure ketamina, droga usata solitamente per dopare i cavalli e invece venduta nel tradizionale mercato), ospita a casa sua gli emissari della cosca Accorinti di Vibo Valentia (Domenico Mandaradoni, Gregorio Niglia e Francesco Romano, pure loro arrestati oggi), svolge la funzione di broker e garante dei pagamenti. Tanto che, quando un carico di droga viene fermato a un controllo sullo Stretto, tra i sodali l'informazione circola con linguaggio in codice: «Si è rovesciato il camion di Andrea». 

Le indagini della Direzione distrettuale antimafia di Palermo hanno coperto gli anni 2015 e 2016. Puntorno, ora in carcere, dovrà rispondere dei reati di traffico di stupefacenti e di concorso esterno all'associazione mafiosa. «Puntorno - scrive il Gip nell'ordinanza di custodia cautelare - attivando il canale di approvvigionamento calabrese, ha di certo realizzato un contributo concretamente apprezzabile e causalmente idoneo a determinare il rafforzamento o, comunque, il mantenimento delle capacità operative del sodalizio diretto da Massimino, quale non ha fatto parte». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×