Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Primarie Pd, vittoria di Zingaretti anche nell'Isola
Testa a testa a Catania, plebiscito a Palermo città

Il governatore del Lazio conquista il capoluogo siciliano in maniera netta e va bene anche in provincia. Maurizio Martina battuto anche a Trapani, Agrigento, Messina e Ragusa. Dati ancora parziali, mentre nel capoluogo etneo è conta all'ultimo voto

Miriam Di Peri

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

È Luca Sammartino, il renziano recordman di preferenze alle scorse Regionali in Sicilia, ad ammettere tra le righe la sconfitta di Maurizio Martina anche nell'Isola. Dai dati ancora non definitivi che giungono dal quartier generale del partito, sembra che il neosegretario nazionale in casa dem, Nicola Zingaretti, abbia raccolto un riscontro positivo anche in terra sicula dove a governare l'organizzazione politica a livello territoriale sono invece gli uomini di Matteo Renzi, capitanati dal senatore Davide Faraone. Proprio Faraone rende noto il dato ancora non definitivo sull'affluenza ai gazebo, che si assesterebbe oltre i 50mila votanti. «Seggi chiusi - ha reso noto l'ufficio stampa del Pd regionale dopo le 20 -, ma elettori ancora in fila per votare. Dai primi dati in possesso e dai precedenti si stima che in Sicilia i votanti siano ben oltre 50mila». 

A Sammartino, invece, l'amaro compito di complimentarsi con l'avversario politico, oggi segretario nazionale. «Auguri - ha scritto in una nota - al nuovo segretario nazionale del Partito democratico, che sono certo rilancerà il partito nel segno dell’unità, soprattutto grazie ai tantissimi cittadini che sono stati anche ore in coda ai gazebo e che dimostrano che siamo l'unica alternativa alle destre. In Sicilia l'affluenza poi è stata straordinaria». Secondo Sammartino, «una grande partecipazione, ma soprattutto un grande entusiasmo sono uno stimolo in più per costruire una vera alternativa anche in Sicilia alla Lega e ai cinquestelle. Questa è vera democrazia, non la piattaforma Rousseau. La grande affluenza riaccende la speranza in ognuno di noi per un Paese di nuovo normale che chiede diritti e non qualunquismo. Grazie a tutte le democratiche e a tutti i democratici».

A stretto giro di boa, poi, ecco l'atteso tweet del segretario regionale: «Grazie ai 1500 volontari del Pd Sicilia - ha scritto Faraone in un post -, grazie a tutti i siciliani che hanno dato fiducia al Pd in questa straordinaria giornata. Buon lavoro al segretario Nicola Zingaretti, grazie Maurizio Martina e Roberto Giachetti per la bella sfida».

Intanto ecco che i primi dati confermano la vittoria del governatore del Lazio anche laddove la presenza (o meglio, l'assenza) di alcuni gazebo aveva alimentato le polemiche. È il caso del seggio di Carini, alle porte di Palermo, che ha accolto anche gli elettori di Capaci, amministrato dal Pd, ma nel cui territorio non è stata prevista la possibilità del voto. Lì i votanti sono stati complessivamente 254, 150 a favore di Zingaretti, contro appena 82 preferenze per Maurizio Martina.

E ancora, a Cefalù su 301 votanti, le preferenze per Zingaretti sono arrivate a quota 258, contro i 21 voti rispettivamente per Martina e Giachetti. Anche ad Agrigento, 561 voti per Zingaretti, 150 per Martina. O Pantelleria, dove 62 preferenze vanno a Zingaretti e 18 al segretario uscente, e Piana degli Albanesi, con 161 voti a Zingaretti e 14 a Martina. Ma il governatore del Lazio trionfa anche a Ragusa, a Trapani e conquista il capoluogo sullo Stretto. Testa a testa con Martina invece a Catania, mentre a Palermo città, nel seggio di piazza Politeama, numeri da plebiscito per il nuovo segretario nazionale, che porta a casa 1446 preferenze, contro le 182 di Martina 182, sorpassato persino dai 238 consensi espressi per Giachetti.

Dalle retrovie zingarettiane, insomma, da domani sembrerebbe pronta la resa dei conti. Per stasera si festeggia. Domani è un altro giorno.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×