Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Priolo, l'ex sindaco Rizza condannato a tre anni
Per episodi di voto di scambio e abuso d'ufficio

Il processo è scaturito dall'operazione Qualunquemente che vedeva alla sbarra 16 imputati accusati a vario titolo di concussione, voto di scambio, abuso d'ufficio. Rizza è stato assolto dall'accusa di associazione a delinquere, per lui il pm aveva chiesto 15 anni

Redazione

L'ex sindaco di Priolo Gargallo, Antonello Rizza, è stato condannato a tre anni di reclusione e all'interdizione temporanea dai pubblici uffici per 5 anni per alcuni episodi di voto di scambio e due episodi di abuso d'ufficio nel processo scaturito dall'operazione di polizia denominata Qualunquemente che vedeva alla sbarra 16 imputati accusati a vario titolo di concussione, voto di scambio, abuso d'ufficio. 

Il pm Margherita Brianese aveva chiesto la condanna a 15 anni, ma il Tribunale, presidente Antonella Coniglio, ha assolto l'ex primo cittadino, difeso dagli avvocati Tommaso Tamburino e Domenico Mignosa, dalle quattro ipotesi di concussione e dall'ipotesi di associazione a delinquere finalizzata al voto di scambio. Rizza era stato candidato pure alle Regionali nella lista di Forza Italia, non venendo eletto, ma sollevando polemiche visti i suoi problemi giudiziari e finendo indicato tra gli impresentabili

"Quello che abbiamo sostenuto è stato condiviso in gran parte da un Tribunale coraggioso. Contiamo di ottenere ulteriori assoluzioni nel giudizio d'appello - ha commentato Tamburino -. Un'ulteriore soddisfazione proviene dalla circostanza che il Tribunale ha ritenuto del tutto legittima l'elezione a sindaco di Rizza perché, non riconoscendo alcun risarcimento alle parti civili Toppi e Pasqua, ha ritenuto che non vi sia stata alterazione del risultato elettorale". 

Il Tribunale ha condannato Beniamino Scarinci a un anno e 11 mesi di reclusione; Giuseppe Pinnisi a 5 mesi di reclusione; Flora Iacona a 1 anno, 11 mesi e 15 giorni; Lucia Grasso a un anno, due mesi 15 giorni; Paola Scalogna a 4 mesi e 15 giorni; Carlo Auteri a un anno, 2 mesi e 80 euro di multa; Giuseppa Arcidiacono a 8 mesi; Sebastiano Mazzone a 8 mesi e 10 giorni; Marco Angelino a 8 mesi e 20 euro di multa. Assolti perché il fatto non costituisce reato Giuseppe Italia, Nunziata Bifumo, Angelo Bosco e Salvatore Passarello; e Concetta Caccamo e Angelo Palumbo per non aver commesso il fatto.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×