Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Diciotti, chiesta archiviazione per Conte e Di Maio
Indagati assieme a Toninelli come «atto dovuto»

La procura di Catania ha notificato a Palazzo Chigi la decisione di non procedere nei confronti del presidente del Consiglio, del ministro del Lavoro e di quello dei Trasporti. La notizia arriva a quattro giorni da quella dell'apertura del fascicolo

Redazione

Archiviazione. La richiesta della procura di Catania sul caso Diciotti non si è fatta attendere. A quattro giorni di distanza dalla notizia del fascicolo a carico del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dei ministri del Lavoro e dei Trasporti Luigi Di Maio e Danilo Toninelli, fonti di Palazzo Chigi spiegano di avere ricevuto la notifica da parte degli uffici del Palazzo di giustizia di piazza Verga, a Catania. L'indagine era partita, come «atto dovuto», a seguito della trasmissione delle memorie difensive del ministro dell'Interno Matteo Salvini. Il leader della Lega e vicepresidente del Consiglio è indagato per sequestro di persona aggravato, come richiesto dal tribunale dei ministri di Catania, nonostante un'altra richiesta di archiviazione formulata dal procuratore capo etneo Carmelo Zuccaro

Gli atti che coinvolgono Conte, Di Maio e Toninelli erano stati inviati a Catania dalla giunta del Senato, chiamata a decidere sulla possibilità per la magistratura di proseguire l'inchiesta a carico di Salvini. Richiesta che ieri è stata rigettata proprio dai senatori e che dovrà passare, tra massimo trenta giorni, dalla validazione dell'intera aula di Palazzo Madama. La vicenda è quella relativa alla nave Diciotti della guardia costiera italiana: carica di 177 migranti salvati in mare, l'imbarcazione è stata lasciata attendere per cinque giorni all'interno del porto di Catania prima che venisse autorizzato lo sbarco. Poi avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 agosto 2018

Secondo il procuratore capo di Catania, la decisione di impedire ai cittadini stranieri di mettere piede a terra era «giustificata dalla scelta politica, non sindacabile dal giudice penale». Il tribunale dei Ministri di Catania, però, non ha condiviso questa tesi e ha chiesto l'autorizzazione a procedere per sequestro di persona aggravato. Negata, fino a questo momento. Il passaggio dalla giunta per le immunità parlamentari è arrivato dopo il voto online sulla piattaforma Rousseau, gestita dalla società Casaleggio e associati e punto di riferimento per le consultazioni del Movimento 5 stelle. Il 59 per cento di chi ha espresso il suo parere, ha votato per negare l'autorizzazione a procedere. Decisione «della base» a cui finora gli eletti si sono attenuti. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×