Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, nove rinvii a giudizio per cosche trapanesi
Altri sette indagati hanno scelto il rito abbreviato

La decisione è arrivata dal gup di Palermo, Filippo Lo Presti, e riguarda alcune delle persone coinvolte nell'operazione antimafia Pionica del marzo del 2018. L'udienza davanti al tribunale di Marsala è stata fissata per il prossimo 26 marzo

Redazione

Rinviate a giudizio nove delle persone coinvolte nell'operazione antimafia Pionica del marzo del 2018. È questa la decisione del gup di Palermo, Filippo Lo Presti. L'udienza davanti al tribunale di Marsala è stata fissata per il prossimo 26 marzo. Gli altri indagati hanno già scelto il processo con il rito abbreviato.

A essere rinviati a giudizio sono stati il presunto capomafia di Salemi (in provincia di Trapani), Michele Gucciardi di 65 anni, al quale l'ordinanza di custodia cautelare fu notificata dai carabinieri in carcere (condannato a 17 anni, in primo grado, nel processo Ermes); il presunto capomafia di Vita, Salvatore Crimi, di 60 anni, la moglie Anna Maria Crocetta Asaro, di 47 anni, e il figlio 24enne Leonardo Crimi, poi anche Gaspare Salvatore Gucciardi, 56enne pure lui di Vita; il 47enne di Partanna, Tommaso Asaro, Ciro Gino Ficarotta di 67 anni e il figlio 38enne Leonardo Ficarotta, e il 39enne Paolo Vivirito, tutti di San Giuseppe Jato (in provincia di Palermo). Gli ultimi tre sono stati prosciolti dall'accusa di intestazione fittizia di beni, che è l'unico reato contestato ad Anna Maria Crocetta Asaro e a Leonardo Crimi. 

Gli altri indagati coinvolti nella stessa operazione antimafia, invece, lo scorso gennaio avevano chiesto di essere processati con rito abbreviato. La prima udienza si terrà il 6 marzo davanti al gup Filippo Lo Presti. Si tratta dei due fratelli alcamesi Vito Nicastri (di 63 anni) - il cosiddetto re dell'eolico, cui i contestati legami con Matteo Messina Denaro sono costati sequestri per centinaia di milioni di euro; Roberto Nicastri (di 56 anni); il 49enne di Salemi Giuseppe Bellitti; il 50enne di Calatafimi Girolamo Scandariato; l'agronomo 59enne di Vita Melchiorre Leone, e Antonino e Virgilio Asaro, (di 76 e 42 anni) di Partanna. 

L'operazione Pionica prende il nome di una contrada di Santa Ninfa (in provincia di Trapani) dove c'è un'azienda di 60 ettari appartenuta ai Salvo di Salemi comprata a un'asta giudiziaria e poi rivenduta a prezzo maggiorato. Parte civile si è costituita, infatti, anche l'ex proprietaria dell'azienda agricola, Giuseppa Salvo. A sostenere l'accusa sono i pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia Carlo Marzella e Gianluca De Leo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×