Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, fumata nera alla Finanziaria-bis del governo
Le opposizioni bocciano la legge in commissione

Ancora uno stop per il governo, la cui maggioranza è sempre più frastagliata. Tra i tagli del nuovo provvedimento, anche quelli al fondo per il trattamento di fine rapporto e le pensioni dei funzionari regionali. Critiche anche dai deputati della coalizione

Miriam Di Peri

Foto di: Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

Piove sul bagnato. Il governo torna ad andare sotto in Assemblea, questa volta in Commissione Affari Istituzionali, dove è stato bocciato il disegno di legge di riscrittura della Finanziaria regionale, alla luce della pronuncia della Corte dei Conti sul disavanzo da due miliardi di euro. Tre soltanto, i voti favorevoli, contro i quattro contrari espressi dai deputati di opposizione presenti (Movimento 5 Stelle, Pd e Claudio Fava). Tra le critiche mosse al disegno di legge, le norme in materia di Tfr e pensioni dei dipendenti.

Un tema particolarmente sensibile, soprattutto nel giorno in cui si è conclusa la contrattazione sindacale che ha portato, dopo 12 anni di attesa, al rinnovo del contratto dei regionali che potranno godere di un aumento medio di 80 euro in busta paga. Così, mentre la coalizione di governo appare sempre più in subbuglio, ecco che a intervenire è proprio un deputato della maggioranza e componente della commissione Affari Istituzionali, Vincenzo Figuccia, secondo cui bisognerà «rimediare in Assemblea regionale siciliana ai tagli decisi sul pagamento del trattamento di fine rapporto (Tfr) e sull’anticipo della buonuscita dei dipendenti regionali». 

«La correzione alla manovra finanziaria, varata dal governo Musumeci - sottolinea ancora Figuccia - toglie 9,6 milioni. Mentre nel 2020 i tagli sono di 27 milioni di euro tra liquidazione Tfr e anticipo del trattamento di fine rapporto». Sostanzialmente, secondo il deputato, a pagare «errori e i buchi finanziari della Regione non possono essere indipendenti sulla soglia della pensione. Occorre subito un confronto in Commissione Bilancio per studiare come evitare questa amara sorpresa a chi a breve conquisterà l’agognata pensione».

Perplessità anche da Claudio Fava (Centopassi), secondo cui il disegno di legge proposto dal governo sarebbe «una pezza cucita male», ragione per cui la bocciatura in prima Commissione altro non sarebbe se non la «conseguenza di questa approssimazione».

«L'idea di colmare il buco di bilancio con i soldi dei lavoratori regionali - conclude Fava - non ci convince nel metodo e nel merito e definirlo, come fa il governo, un prelievo tecnico ci sembra solo una pietosa bugia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×