Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Da Messina a Pisa, premio per tesi su tumore da amianto
«Spero di tradurre gli studi in qualcosa di più concreto»

Si chiama Rossella Bruno e ha ricevuto il premio per la migliore tesi di dottorato. Dal legame col suo territorio nasce l'esigenza di approfondire l'idea di uno strumento per diagnosticare la malattia dovuta all'esposizione alla fibra killer 

Danilo Daquino

«Non me lo aspettavo, ma naturalmente ci speravo. Ho sempre creduto molto nel mio progetto di ricerca, ma i risultati hanno superato le aspettative». A parlare a MeridioNews è Rossella Bruno, la biologa dell’azienda ospedaliera universitaria pisana, originaria di Brolo (in provincia di Messina) premiata per la migliore tesi di dottorato, nell’ambito del PhDay2018, la giornata durante a quale all'università di Pisa vengono premiati i sei elaborati più meritevoli. La sua è una tesi incentrata su uno strumento per diagnosticare un tumore causato dall’esposizione all'amianto.

È dal suo territorio di origine che ha inizio il percorso di studi di Bruno: la maturità classica nel 2004, poi alla laurea triennale in Scienze biologiche molecolari nel 2007 fino alla specialistica in Scienze e tecnologie biomolecolari all’università di Pisa nel 2009. «Al liceo Vittorio Emanuele III di Patti, ho capito cosa avrei voluto fare da grande e come avrei dovuto farlo», racconta la ricercatrice che nel 2014 consegue il diploma di specializzazione in Genetica medica all’università di Firenze e nel 2018 il dottorato in Fisiopatologia clinica all’università di Pisa.

«Ho avuto la possibilità di partecipare a conferenze scientifiche internazionali dove ho presentato i risultati della mia ricerca e, soprattutto, ho conosciuto i più importanti ricercatori nell’ambito del mio progetto di studio». Progetto che, lo scorso 24 novembre, l’ateneo ha premiato. Durante il dottorato, Bruno aveva presentato i dati preliminari alla XIII conferenza dell’International mesothelioma interest group (Imig) ricevendo il premio destinato ai giovani ricercatori. «La mia tesi di dottorato - spiega la ricercatrice - parla di un nuovo e potenziale strumento molecolare per la diagnosi del mesotelioma pleurico maligno, un tumore aggressivo causato principalmente dall’esposizione all'amianto. La diagnosi non è sempre facile e, in alcuni casi, è difficile discriminare le lesioni maligne da quelle benigne». Un tumore raro con un’incidenza sempre più in aumento in Italia. 

«Pare che il picco possa essere previsto per il 2020, a causa del lungo periodo di latenza dell'amianto». E la Sicilia non ne è immune, anzi, secondo quanto riferisce la biologa «un aumento d'incidenza di mesotelioma è stato osservato anche nel sito d’interesse nazionale (Sin) di Milazzo, a pochi chilometri da casa mia, dove c'è un’importante area industriale. Il Sin - spiega Bruno - include anche il comune di San Filippo del Mela in cui è stata attiva, fino al 1993, un’azienda di produzione di manufatti in cemento-amianto». 

Nell’Isola, oltre agli insediamenti petrolchimici della provincia di Messina, ci sono quelli di Gela (Caltanissetta) e di Priolo (Siracusa), gli stabilimenti di produzione di manufatti in asbesto-cemento di Siracusa e San Cataldo (Caltanissetta) e la cantieristica navale a Palermo. «Dai dati dell'ultimo rapporto del registro nazionale mesoteliomi, tra le cause - aggiunge Bruno - ci sarebbe anche l’uso di sacchi di juta riciclati, specie nel settore agricolo, che prima contenevano amianto in fibre». 

È il legame con la sua terra che ha spinto la ricercatrice ad approfondire la questione. «Una mancata diagnosi di mesotelioma ha forti conseguenze sul paziente - denuncia - pertanto, uno strumento diagnostico valido potrebbe essere utile per chi è affetto da questo male». Nella sua tesi, la ricercatrice parla di uno «strumento molecolare che si basa su un pannello di 117 geni il cui profilo di espressione, valutato con un sistema innovativo e altamente specifico e riproducibile (nCounter system), è stato in grado di classificare i casi analizzati come benigni o maligni con un’accuratezza maggiore rispetto ai test diagnostici oggi disponibili. Sebbene ulteriori studi e validazioni siano necessari - specifica - i risultati ottenuti sono promettenti».

Oggi Bruno si occupa della «caratterizzazione molecolare di marcatori diagnostici, prognostici e predittivi in diversi modelli tumorali» ma non ha comunque smesso di studiare il mesotelioma pleurico maligno. «Spero di tradurre le mie ricerche in qualcosa di concreto, magari insieme a un team di donne che sono determinanti nell’Università, nella ricerca e nella scienza. Per adesso - conclude - ricevere questo riconoscimento è stato emozionante e devo dire grazie alla mia famiglia, che mi ha sostenuta e incoraggiata con pazienza, e alla mia squadra di lavoro». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×