Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Nebrodi, archiviata l'indagine sull'agguato ad Antoci
«Ora spero in un pentito che aiuti la magistratura»

L'esame del dna sui 14 indagati avrebbe dato esito negativo, da qui la richiesta della Procura di chiudere l'indagine, accolta dal giudice per le indagini preliminari. Restano quindi al momento anonimi i responsabili dell'attentato

Redazione

È stata archiviata l'indagine sull'agguato a Giuseppe Antoci, l'ex presidente del parco dei Nebrodi, avvenuto nel maggio del 2016 sulla strada che da Cesarò porta a San Fratello. Il giudice per le indagini preliminari di Messina, Eugenio Fiorentino, ha accolto la richiesta della Procura che dunque non è riuscita a trovare gli elementi per fare chiarezza su quanto avvenne. La notizia dell'archiviazione è stata pubblicata oggi da La Gazzetta del Sud.

Quella notte dietro l'auto di Antoci c'era un'altra vettura con a bordo il dirigente del commissariato di Sant'Agata di Militello Daniele Manganaro, che sparò alcuni colpi di pistola mettendo in fuga i banditi. A bordo strada, dove inizia il bosco, sono state trovate alcune tracce di sangue. Al fine di comparare il dna sono state indagate, per accertamenti irripetibili, 14 persone tra cui coloro che sono considerati al vertice di Cosa Nostra nella zona dei Nebrodi. Ma gli esami avrebbero dato esito negativo. Da qui la decisione di archiviare l'inchiesta. 

«A più di due anni dal vile attentato - ha commentato Antoci che ribadisce la versione dei fatti che ha sempre fornito - dall'inchiesta chiusa dalla magistratura, la sola cosa certa venuta fuori dalle indagini è che quel commando in tuta mimetica, che assaltò la Thesis sulla quale viaggiavamo quella sera, aveva il chiaro obiettivo di uccidere colpendo prima la ruota posteriore sinistra dell'auto blindata e successivamente dandole fuoco con le molotov ritrovate, costringerci a scendere per essere giustiziati. Solo grazie all'arrivo del vicequestore Manganaro siamo riusciti a salvarci». 

Quindi l'ex presidente del Parco affida le residue speranze di risalire ai responsabili a un futuro pentito. «Speriamo vivamente in un collaboratore di giustizia che possa fare luce e aiutare la magistratura a riaprire l'indagine, come è spesso accaduto nella storia degli attentati in Sicilia - ha detto - Ho il desiderio di vedere alla sbarra chi quella notte ci aspettava per ucciderci, ma anche chi ha tentato di depistare e infangare. Per questi ultimi nei prossimi giorni arriveranno certamente i primi rinvii a giudizio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews