Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, confisca da 5 milioni per Giacomo Consalvo
Gli imballaggi al mercato e i rapporti con Titta Puccio

La direzione investigativa antimafia ha eseguito il provvedimento a carico del 63enne, già condannato per associazione mafiosa. Sigilli anche alle aziende con cui si è imposto nel ciclo della plastica

Salvo Catalano

Un impero economico costruito grazie all'imposizione delle sue aziende nel ciclo della plastica al mercato di Vittoria. È con questa accusa che la Direzione investigativa antimafia di Catania ha eseguito stamattina un provvedimento di confisca nei confronti di Giacomo Consalvo, 63 anni, a capo del nucleo familiare contiguo al clan stiddaro Dominante. Oggetto della confisca, a quasi tre anni di distanza dal sequestro, sono tre aziende (la G.k. Plast, la New Pack e la soc. Coop Multipack) appartamenti con annessi posti auto e terreni agricoli a Vittoria, autoveicoli e motocicli, nonché numerose disponibilità bancarie e finanziarie, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro (il sequestro iniziale ammontava a 7 milioni).

Consalvo è già stato condannato per associazione mafiosa, associazione a delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, omicidio ed altro. Nel settembre del 2015 fu arrestato insieme ai figli Giovanni (38 anni) e Michael Consalvo (29) nell'operazione denominata Box. Avrebbero mantenuto il monopolio nella vendita dei materiali di imballaggio di frutta e verdura di passaggio nel mercato di Vittoria. Un guadagno stimato dalla polizia in svariate migliaia di euro al mese. Per i commercianti locali sarebbe stato impossibile rivolgersi fuori dai confini del Comune. «Ca sulu io pozzu aviri i casci», diceva Giacomo Consalvo ignaro di essere ascoltato dalle forze dell'ordine. Due mesi dopo scattò il sequestro di beni.

Più recentemente, a fine 2017, Giacomo Consalvo è stato coinvolto nell'inchiesta Ghost Trash (rifiuti fantasma) della Dda di Catania, che ha chiuso il cerchio sul ciclo della plastica attorno al mercato di Vittoria, facendo emergere l'ingerenza della mafia non solo nell'imposizione degli imballaggi, ma anche nel successivo smaltimento. In quell'occasione gli inquirenti hanno ricostruito come Consalvo avesse un rapporto strettissimo e subordinato a Giombattista Puccio, detto Titta, ritenuto vertice del clan Dominante-Carbonaro. Sarebbe stato lui, infatti, a dare il consenso affinché i Consalvo entrassero nel mercato degli imballaggi con le loro aziende.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews