Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rischio idrogeologico, cassaforte da 591 milioni di euro
Ma la metà dei fondi sarà assegnata senza gara pubblica

«È l’unica stazione appaltante in questa Regione con una disponibilità economica significativa». Maurizio Croce, commissario speciale per il rischio idrogeologico dal 2010, ha resistito pure allo spoils system e continua a gestire quello che attualmente è il principale ente dispensatore di appalti in Sicilia. Che fa gola a tanti

Miriam Di Peri

È il bancomat della Regione Siciliana, con un portafogli da 591 milioni di euro provenienti dal Patto per la Sicilia. La metà dei quali, quasi 300 milioni di euro, vengono assegnati senza gare d’appalto ad evidenza pubblica, ma pescando da un albo speciale in cui è iscritto un numero limitato di aziende. È l’ufficio del Commissario Straordinario per il dissesto idrogeologico, una struttura che esiste dal 2010, quando cioè è stata dichiarata l’emergenza nell’Isola. Da allora è stato guidato da Maurizio Croce, eccetto nel periodo in cui quest’ultimo (dal 2015 al 2017) viene chiamato da Rosario Crocetta a ricoprire il ruolo di assessore regionale all’Ambiente e al Territorio. In quegli anni a guidare la struttura è Calogero Foti, già a capo della Protezione Civile regionale, fino al settembre 2017, quando Crocetta restituisce l’incarico a Croce. Una nomina che non finisce nel tritacarne dello spoils system di inizio legislatura: Croce è stato infatti confermato al suo posto anche dall’attuale primo inquilino di Palazzo d’Orleans, Nello Musumeci.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×