Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Liberty Lines, comissariata la società dei Morace
«Per fare chiarezza sui rapporti con la Regione»

Il tribunale ha deciso di nominare un commissario giudiziale per appurare la regolare esecuzione dei contratti e capire i legami che ci sarebbero tra il personale della ditta specializzata nei trasporti marittimi e i burocrati che, negli anni passati, hanno gestito gli iter che avrebbero favorito gli armatori trapanesi

Redazione

Fare luce sui rapporti tra la Liberty Lines e la Regione. È questo l'obiettivo perseguito dal tribunale di Palermo che, accogliendo la richiesta della procura, ha nominato un commissario giudiziale ed emesso un'ordinanza interdittiva nei confronti della società di trasporti marittimi. Il provvedimento, eseguito dai carabinieri del nucleo investigativo di Palermo e Trapani, è propedeutico a creare le condizioni per esaminare i contratti vigenti, «accertando l’eventuale presenza di clausole produttive di profitti ingiusti per la società di navigazione» nonché verificarne la corretta esecuzione. Intento degli inquirenti anche capire se ci siano interessi anomali e legami familiari tra il personale della società e i burocrati che hanno avuto un ruolo nell'aggiudicazione dei contratti.

I sospetti degli inquirenti nascono da ciò che è emerso nell'inchiesta Mare Monstrum e, nello specifico, sul presunto sistema corruttivo che avrebbe portato a Vittorio Morace, e al figlio Ettore, a ottenere vantaggi nella gestione delle procedure per l'affidamento dei servizi di trasporti verso le isole minori della Sicilia. I magistrati palermitani ritengono che Morace avesse stretto un patto con la dirigente Salvatrice Severino, che avrebbe portato anche a un'erogazione di dieci milioni di euro a titolo di compensazioni finanziarie per prestazioni che però non sarebbero state mai rese dalla Ustica Lines spa, altra impresa riconducibile a Vittorio Morace. In cambio Severino avrebbe ottenuto beni di lusso e l'assunzione della figlia.

Ma nelle carte dell'inchiesta sono finiti diversi nomi illustri. Dall'ex primo cittadino di Trapani e deputato di Forza Italia, Mimmo Fazio, alla ex parlamentare nazionale Simona Vicari, fino all'ex presidente Rosario Crocetta, che si è sempre difeso dalle accuse di corruzioni che riguarderebbero un presunto finanziamento da parte di Morace del movimento politico dell'ex governatore. «Sarei il primo presidente della Regione che prende una tangente con un bonifico», commentò l'anno scorso in conferenza stampa Crocetta. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×