Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tony Drago, decisione sulla richiesta di archiviazione
Avvocato: «C'è un elemento di novità per le indagini»

La giudice per le indagini preliminari ha fissato per mercoledì 20 dicembre la camera di consiglio per discutere della volontà della Procura romana. Intanto il legale della famiglia del giovane militare siracusano è pronto a mettere in gioco un fattore nuovo che potrebbe contribuire alla formulazione di un'imputazione

Marta Silvestre

Potrebbe arrivare entro Natale la decisione sulla richiesta di archiviazione, avanzata nello scorso mese di luglio dal pubblico ministero Alberto Galanti, in merito alle indagini sul caso di Tony Drago, il caporale siracusano trovato morto la mattina del 6 luglio 2014 nel cortile della caserma Sabatini di Roma. La giudice per le indagini preliminari, Angela Gerardi, ha fissato per mercoledì 20 dicembre la deliberazione in camera di consiglio in seguito all'opposizione alla richiesta di archiviazione che Rosaria Intranuovo, la madre del giovane militare, aveva affidato anche a una lettera aperta

Se la giudice non deciderà di imporre al pm di formulare l'imputazione, le indagini potrebbero essere riaperte solo alla luce di nuovi fattori determinanti. «In effetti - dichiara l'avvocato Dario Riccioli a MeridioNews - un elemento nuovo ci sarebbe ma, almeno per adesso, non posso dire di più. Intendo avvalermene al momento opportuno». Intanto quella di giorno 20 dicembre è una data importante «perché - spiega il legale - ci sarà la discussione sulla richiesta di archiviazione e, anche se non c'è un termine perentorio, credo che la decisione potrebbe arrivare prima di Natale». 

A distanza di tre anni dalla morte del caporale siracusano, il difensore aveva chiesto l'avocazione delle indagini al procuratore generale presso la corte di Appello di Roma. Dopo l'incidente probatorio, i periti nominati dal gip hanno avuto gli elementi necessari per escludere l'ipotesi del suicidio. Ma, secondo l'avvocato, «la Procura non ha assunto determinazioni in merito al procedimento iscritto contro otto militari che, per grado e funzioni, avevano l’obbligo giuridico di impedire la morte di Tony Drago». Si tratta dell'ufficiale comandante di grado superiore Paolo Lorenzi, dell'ufficiale di ispezione Giampaolo Torcigliani, del sottoufficiale di picchetto Salvatore Adragna, del sergente di giornata Paolo Esposito, del comandante della guardia Giuseppe Zarbano e dei militari addetti al servizio di vigilanza Daniele Marino, Roberto Cucuzza e Simone Lampis, tutti presenti la notte fra il 5 e il 6 luglio del 2014 all'interno della caserma Sabatini.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×