Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, da Sinistra italiana via libera a Claudio Fava
Aperto dialogo con Navarra. Pd, ancora frizioni su Micari

Il deputato catanese incassa l'ok anche dall'assemblea regionale di Si. Resiste invece lo zoccolo duro che sostiene l'editore palermitano. Ma tra i due diretti interessati è in corso un confronto che dovrebbe evitare una doppia candidatura. Intanto il rettore palermitano avanza l'ipotesi di un clamoroso passo indietro

Miriam Di Peri

Anche da Sinistra Italiana c’è il via libera a Claudio Fava. La candidatura del vicepresidente della commissione Antimafia ha incassato l’ok del partito di Fratoianni questa mattina a Caltanissetta, nel corso dell'assemblea regionale di Sinistra italiana. Un sostegno che sembra rompere gli indugi sulla corsa di Claudio Fava verso palazzo d’Orleans, nonostante non siano ancora state sciolte le riserve da parte dello zoccolo duro che dalla prima ora sostiene invece la candidatura di Ottavio Navarra. Oltre ai fedelissimi dell’editore palermitano, infatti, sarebbe spaccata al suo interno anche Rifondazione Comunista, per niente convinta dalla bontà dell’operazione Fava. 

Vicini a dare il loro sostegno a Fava anche i civatiani di Possibile, mentre voci di corridoio raccontano di una interlocuzione già avviata in forma privata tra Navarra e Fava. La disponibilità dell’ex leader del movimento della Pantera a fare un passo indietro è cosa nota, ma a Navarra spetta adesso il difficile compito di tenere coeso il suo gruppo. In ogni caso il dialogo tra i due prosegue nella direzione di cercare le ragioni dell’unità e scongiurare una doppia candidatura che renderebbe impossibile il superamento della soglia di sbarramento il prossimo 5 novembre. E in questa direzione va anche il documento approvato dall’assemblea di Sinistra italiana, dove oltre al sostegno a Fava si registra l’impegno «nel processo di costruzione di una lista forte, unitaria e competitiva e di un programma di cambiamento per la Sicilia insieme alle altre forze politiche e sociali della sinistra siciliana».

Ma se a sinistra si lavora per ricompattare le fila, è ancora caos invece nella coalizione guidata dal Pd. Secondo un’indiscrezione raccontata questa mattina da Repubblica, sarebbe il rettore di Palermo, Fabrizio Micari, a frenare a questo punto: senza il sostegno di Renzi e Alfano, entro la prima metà della settimana l’accademico sponsorizzato da Orlando sarebbe pronto a ritirare la candidatura. In questo senso, ancora, non arrivano segnali incoraggianti dal segretario dem.

Proprio questa mattina sulle pagine del quotidiano La Stampa, Renzi ha ammesso che «nessuno può sapere come andrà a finire in Sicilia. Può succedere tutto. Ma io ne resto fuori: mi hanno accusato di personalizzare il referendum, figuriamoci se personalizzo le Regionali siciliane. Mi hanno chiesto un candidato civico, una coalizione larga, ho preso il modello Palermo. Poi, come andrà, nessuno oggi può saperlo».

Renzi aggiunge un passaggio che, parafrasando alcune chiacchiere da social degli ultimi giorni, appare quasi come il perfetto discorso da sconfitto da pronunciare il prossimo 6 novembre: «Chiunque vinca - osserva -, per una settimana sta sui giornali, ha uno 0,3 in più nei sondaggi, poi al 15 novembre si ricomincia tutto daccapo. Il Pd è una forza tranquilla, siamo il polo del buonsenso. Dall'altra ci sono solo il populismo di Grillo e l'estremista Salvini».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews